Migliori ruote da corsa gaming

Ultimo aggiornamento su da Nicholas Frost

Un’auto è un investimento significativo. Non solo per il costo del veicolo. È anche perché è un’estensione della personalità del proprietario. Per alcuni, può finire semplicemente con la scelta della giusta marca, modello e colore dell’auto. Questo è sufficiente e sarà già soddisfacente per il proprietario. Ma per le persone che tengono i veicoli a uno standard molto più elevato – gli appassionati di auto – va oltre. Le dimensioni del motore, il sistema di raffreddamento, l’elettronica, i gas di scarico, le sospensioni e così via, giocano tutti un ruolo nel loro processo decisionale. Gli appassionati e gli appassionati di auto terranno conto di tutti questi elementi nella scelta dell’auto dei loro sogni e, per la maggior parte, esistono auto che si adattano alle specifiche di ognuno.

Quando però non ce n’è nessuna, o se non è all’altezza di ciò che l’appassionato vuole, o se desidera migliorarla ulteriormente, entra in gioco la personalizzazione dell’auto. Quando si personalizza un’auto, tutto può essere cambiato e sviluppato: dall’estetica come la vernice, i kit di carrozzeria e le luci, all’ingegneria come l’aggiunta di sovralimentatori. L’elettronica può anche essere personalizzata per essere più reattiva o essere in grado di controllare altri servizi come schermi a LED e altri.

E all’interno di quel gruppo di appassionati di auto, esiste un gruppo ancora più esoterico che si concentra su una cosa in primo luogo: le corse. Ora, questo non significa personalizzare un’auto solo singolarmente per correre su una pista. Piuttosto, personalizzare il veicolo per avere le qualità di un’auto da corsa che lo rendano capace di una guida fluida nella vita di tutti i giorni, così come di una corsa veloce e intensa in un record, se necessario.

Queste personalizzazioni non avvengono però solo sotto il cofano del motore. La personalizzazione delle corse può essere sia funzionale che estetica, ed è questa combinazione di forma e funzione che la maggior parte dei costumi da corsa hanno. Uno spoiler per auto, ad esempio, aggiunge una nuova geometria per le linee estetiche e aiuta anche a mantenere l’auto premuta sul terreno, aggiungendo più trazione. Lo stesso vale per i kit di carrozzeria con sospensioni abbassate, e così via.

Un aspetto delle abitudini di guida che la maggior parte delle persone che non sono al corrente spesso non pensa immediatamente è la ruota. Le ruote da corsa aggiungono non solo un tocco visivo a una costruzione personalizzata da corsa, ma sono anche funzionali in molti modi diversi. Ma cosa sono esattamente le ruote da corsa, e cosa le rende diverse dalle ruote normali? Infatti, cosa sono esattamente le ruote?

La storia della ruota

È facile liquidare la ruota come una pura invenzione che gli uomini delle caverne hanno sviluppato durante l’età della pietra, e andare avanti veloce a come la vediamo oggi. Voglio dire, è solo un oggetto rotondo usato per spostare le cose dal punto A al punto B, giusto? Tuttavia, per comprendere appieno cosa sono le ruote da corsa, è essenziale sapere da dove viene la ruota e perché le ruote da corsa sono un taglio diverso dalle normali ruote usate e viste oggi.

Una cosa da notare è che la ruota in sé non è così semplice come molti pensano. Prima che la prima ruota fosse inventata, la razza umana manipolava già il metallo in modi che ritenevano avanzati. Non solo, i progetti di costruzione e altri progetti di ingegneria di alto livello erano già in fase di costruzione prima che la prima ruota completamente funzionante uscisse dalla catena di montaggio. Quindi la nozione di ruote per la costruzione di ruote da cavernicoli, perché è un elemento semplice da costruire, è ora smentita. Beh, per essere precisi, la ruota in sé è un’idea semplice, ma collegare detta ruota in un sistema che la rende utile, ora questa è la parte difficile.

La ruota in sé non è ciò che ha reso il trasporto molto più facile nel tempo, anche se è stato senza dubbio il punto focale di questo sviluppo storico. La vera innovazione non è solo la ruota, ma un sistema che utilizza la ruota: il sistema ruota-asse. È la complessità di questo sistema che ha reso la ruota così difficile da inventare. La razza umana è arrivata persino a fondere leghe di bronzo prima che arrivassero le prime ruote funzionali.

Il concetto di base del sistema ruota-asse è ancora oggi in uso, a testimonianza dell’idea semplice ma complessa che ne è alla base. Affinché il sistema funzionasse, doveva avvenire un’ingegneria senza intoppi. Cioè, le estremità dell’asse e il foro centrale della ruota dovevano essere il più piatto possibile. Questo per evitare attriti e vibrazioni inutili quando la ruota gira. Se ciò accade, la ruota può girare liberamente e non finisce per sradicare l’intero sistema.

Ma poi c’è il problema del fissaggio. Una ruota deve potersi muovere liberamente dall’asse, ma se è troppo allentata, allora la ruota non sarà in grado di svolgere la sua funzione. Se invece è troppo stretta, la ruota non può ruotare dall’asse e può addirittura danneggiare o distruggere completamente il collegamento. Affinché il sistema funzioni, ci deve essere uno scenario “Riccioli d’oro ’giusto’”.

Fortunatamente, come gli antichi ingegneri alla fine hanno capito, la chiave sta nell’asse stesso. In particolare, quanto era spesso e grande. Un asse dovrebbe essere abbastanza grande da sostenere il pneumatico e le sollecitazioni delle forze che genererà. Ma non può essere troppo lungo perché correrà il rischio che l’asse si rompa. Per fare questo, il primo ingegnere che ha sviluppato il primo sistema ruota-asse deve aver avuto accesso a tutti i tipi di materiali possibili.

Il legno è stata la scelta primaria in quanto è più comodo da manipolare in questo momento e probabilmente più resistente dei metalli disponibili. Questo non significa che i metalli non siano stati utilizzati. Erano anche importanti, come utensili, legature e così via. Oltre a ciò, erano anche necessarie competenze nella carpenteria e nel montaggio. Tanto che lo stereotipo tipico dei grandi cavernicoli corpulenti scalpellati che scalpellano le ruote di pietra e le attaccano a pezzi di legno non è accurato. Perché se è vero che nella storia le ruote di pietra venivano usate, le persone che le fabbricavano e le usavano erano molto più che semplici persone primitive.

Ora, notate come non menzioniamo mai nessuno in particolare quando si tratta della prima ruota. Perché anche gli esperti non hanno idea di chi, dove, o anche quando sia arrivata esattamente la prima ruota funzionale. Il consenso è che, per l’epoca, si trattava di un concetto così complesso da eseguire che probabilmente avveniva solo in un luogo, e da una sola civiltà. Alcuni esperti ritengono, tuttavia, che questa origine della ruota sia avvenuta in Eurasia o in Medio Oriente, dove esistono alcuni dei veicoli a ruote più antichi come i carri. Da lì, la ruota si diffuse rapidamente in tutto il mondo antico.

Una volta sviluppata, tuttavia, la ruota ha trovato molti usi nel mondo antico. Dalla ceramica al carico, la chiami per nome; la ruota è stata usata per questo. I mulini a vento, per esempio, avevano un sistema di assi e ruote che venivano usate principalmente per macinare il grano e altri cereali. Ma ci volle un po’ di tempo prima che la ruota fosse usata per il trasporto di merci e persone, e ciò dipendeva dall’ulteriore sviluppo non solo della ruota stessa, ma anche del sistema di assi.

Ulteriori progressi e la nascita della moderna ruota per auto

Ci è voluto un po’ di tempo perché il sistema ruota-asse venisse utilizzato per il trasporto efficiente, perché i primi sistemi ruota-asse, anche se attivi, avevano ancora molto spazio per migliorare.

Le prime varianti di questo sistema avevano sia la ruota che l’asse fissati insieme. Come tale, sia la ruota che l’asse si muovevano e giravano. Pur essendo efficace, a causa di un sistema esteso in movimento, era inefficiente. Nel corso del tempo, i telai dei carri degli ingegneri antichi presentavano dei fori dove l’asse passava. Aveva ancora sia l’asse che la ruota che giravano insieme, ma ora potevano essere pezzi separati attaccati all’insieme.

Alla fine fu sviluppato un sistema ad “asse fisso” in cui l’asse era attaccato direttamente al carrello e non ruotava. In questo sistema, le ruote erano ora in grado di ruotare liberamente, e soprattutto, indipendentemente l’una dall’altra. Prima di questo, un asse di solito aveva due ruote, una per ogni estremità, saldamente fissate. Rendeva la rotazione di un carrello molto impegnativa e metteva a dura prova la struttura. Una volta che l’asse fisso è stato inventato, la rotazione è diventata molto migliore e, a sua volta, ha reso i carrelli molto più stabili. È durante questa innovazione che molti esperti considerano la ruota veramente inventata e completa.

Eppure, la storia della ruota non è finita, e ci sono voluti ancora pochi passi prima di arrivare alla fase della nuova ruota da corsa.

Le prime ruote erano di legno. Si tratta di pezzi di legno massiccio per uso pesante o a raggi per massimizzarne le dimensioni e renderla efficiente per la velocità e la mobilità. Il primo sviluppo significativo è stato l’inserimento di cerchioni in ferro intorno alle ruote. È questo innovativo design delle ruote a raggi in legno che avrebbe portato allo sport veicolare, anche nel mondo antico. Una rappresentazione così famosa di questo è il film Ben-Hur, che mostrava vecchie corse di bighe. Potrebbe essere uno dei primi sport veicolari, il che rende le ruote a raggi di questo tempo le prime ruote da corsa mai realizzate.

Questo design era così all’avanguardia all’epoca che ci sono voluti quasi duemila anni prima che arrivasse la successiva significativa evoluzione del design delle ruote. I raggi a raggi in filo metallico delle ruote arrivarono nel 1802 e sono ancora oggi molto usati nelle biciclette e nelle ruote delle auto d’epoca. Questa ruota è più leggera, più forte e dura più a lungo. Per un certo periodo, tuttavia, è stato difficile utilizzare le ruote con i raggi di tensione a filo. Ma quando arrivò la ruota pneumatica per biciclette, le ruote a raggi a trazione a filo trovarono il partner perfetto. I miglioramenti apportati da John Dunlop al brevetto iniziale per il pneumatico hanno permesso di sostituire la gomma dura che allora era comune nelle biciclette, segnalando così la nascita della nuova combinazione di ruota e pneumatico.

Le ruote in auto

Con l’avvento del pneumatico, il palcoscenico è stato fissato per la ruota moderna come parte integrante delle automobili. Prima di allora, le prime ruote a filo nelle automobili utilizzavano la gomma dura, proprio come le biciclette dell’epoca. Ma nel 1910, la società B.F. Goodrich ebbe la brillante idea di aggiungere il carbonio alla gomma per aumentare notevolmente la durata e la resistenza del pneumatico. Con l’arrivo dei pneumatici più resistenti arrivò anche l’avvento delle ruote più robuste, e nel 1927 entrarono nella mischia le prime ruote con razze in acciaio saldate.

Ma c’è un motivo per cui oggi le ruote a raggi in acciaio si vedono soprattutto nelle auto d’epoca. Perché anche quando la ruota sembrava aver raggiunto il suo apice, si è evoluta ancora di più. Quando è avvenuta l’invenzione delle ruote a disco in acciaio, ha cambiato di nuovo il gioco. Poiché le ruote a disco in acciaio erano molto più economiche da produrre, probabilmente ha anche cambiato il modo in cui le automobili sarebbero state accessibili al pubblico.

Oggi, la ruota moderna utilizza una combinazione di dischi massicci e raggi massicci, a seconda dello stile e dello scopo delle ruote. E le ruote di oggi si dividono in due categorie: in acciaio, o in lega.

Acciaio vs. Lega

Mentre i moderni progressi dell’ingegneria moderna hanno prodotto altre ruote che utilizzano materiali diversi, l’acciaio e la lega si rivelano essere le scelte più comuni. Ma quali sono esattamente le differenze tra le due, e quale è migliore quando si tratta delle migliori ruote da corsa disponibili?

La risposta breve è: per le prestazioni e l’estetica, e si scelgono i cerchi in lega. Per la resistenza e la durata, la scelta è caduta sui cerchi in acciaio. Ma perché?

Prima di tutto, diamo un’occhiata ai cerchi in acciaio.

Le ruote in acciaio

Le ruote in acciaio sono i discendenti diretti delle ruote a raggi in acciaio dei primi anni dell’automobilismo. Sono robusti e durevoli e, in alcuni casi, molto più resistenti dei cerchi in lega. Si piegano quando sono danneggiati, il che li rende più facili da riparare. Sono anche più pesanti, il che aiuta le gomme a mordere di più il terreno, il che è particolarmente utile durante l’inverno o quando si guida sulla neve. E a causa del peso, il centro di gravità dell’auto è praticamente abbassato. Dà una sensazione di maggiore stabilità e controllo. Un altro vantaggio dei cerchioni in acciaio è che sono molto più economici dei cerchioni in lega. A differenza dei primi tempi, oggi i cerchi in acciaio possono essere realizzati con metodi migliori e più convenienti. Quindi, se ci sono così tanti vantaggi per i cerchi in acciaio, perché qualcuno dovrebbe ottenere cerchi in lega?

Nonostante i vantaggi delle ruote in acciaio come la durata, la resistenza e il prezzo, alcuni svantaggi fanno esitare gli appassionati di auto moderne – in particolare, la folla dei costruttori di auto da corsa. In primo luogo, il peso dei cerchi in acciaio diventa uno svantaggio, soprattutto con le auto che vengono forniti di serie con cerchi in lega. E ’perché le sospensioni di queste auto non supporta alcune parti come le ruote, freni e pneumatici. Così il peso aggiunto si fa sentire. Il centro di gravità abbassato che le ruote d’acciaio forniscono può anche rendere l’auto maneggevole e muoversi lentamente, specialmente durante le stagioni calde.

Ma forse lo svantaggio più cruciale è che il design e le dimensioni delle ruote in acciaio sono minime. Ciò è dovuto in parte al materiale stesso e in parte ai metodi di costruzione.

Le ruote in acciaio non possono essere fatte troppo grandi. Altrimenti sarebbero troppo pesanti. Spesso sono disponibili in 16″ o 17″, ma niente di più significativo. È un problema per la maggior parte delle auto, soprattutto per i modelli che verrebbero utilizzati per le costruzioni da corsa, in quanto spesso hanno pinze dei freni sovradimensionate, sospensioni modificate e così via. A causa delle limitazioni dimensionali, le ruote in acciaio hanno una scelta più limitata di opzioni di progettazione, e questo è anche dovuto ai metodi di costruzione utilizzati. Infine, le ruote in acciaio non dissipano il calore così velocemente come le leghe. È un altro motivo per cui i costruttori di auto da corsa esitano quando si tratta di utilizzare ruote in acciaio. Un’auto che accelera e frena rapidamente e regolarmente produce molto calore, e se la ruota in acciaio non riesce a dissipare la temperatura, potrebbe creare problemi.

Tuttavia, le ruote in acciaio sono ancora una scelta comune per la maggior parte delle auto e degli appassionati, ma soprattutto per motivi pratici.

Cerchi in lega

In questi giorni, le case automobilistiche di solito usano cerchi in lega come parte del kit di serie di un veicolo. Questo perché i cerchi in lega sono più versatili, molto più leggeri e forniscono altri vantaggi in termini di prestazioni. I cerchi in lega sono fusi, cosa che non può essere fatta usando l’acciaio senza rischiare la durata e la resistenza. La possibilità di essere fusi dà ai cerchi in lega un netto vantaggio: il cielo è il limite quando si tratta di progetti. Con una serie quasi illimitata di opzioni quando si tratta dell’estetica dei cerchi in lega, la gente può personalizzare la propria auto molto di più. Non solo, ma i cerchi in lega possono essere cromati, verniciati o semplicemente lucidati così come sono. Le diverse texture e finiture offrono ancora più opzioni estetiche. E quando si tratta di costruzioni da corsa, questo è molto importante perché la maggior parte delle persone che avrebbero un’auto da corsa per la strada vogliono visibilità.

Anche la differenza di peso dà un netto vantaggio. I cerchi in lega sono di solito in lega di alluminio e nichel. La combinazione dei due rende una lega forte e durevole e, allo stesso tempo, una più leggera dell’acciaio. Questo si traduce in una maggiore manovrabilità della vettura, in una migliore accelerazione da zero a x e in un rendimento complessivo molto migliore. Non solo, perché le ruote sono più leggere, ma mettono molto meno sotto pressione le sospensioni del veicolo, il che fa sì che le sospensioni durino più a lungo e funzionino meglio.

La lega di alluminio e nichel è anche in grado di disperdere il calore molto più velocemente dell’acciaio. Ciò significa che è possibile frenare e accelerare in modo ripetitivo, come spesso accade per le auto da corsa. Si può fare molto di più senza il rischio di danneggiare la ruota e le altre parti coinvolte.

Con tutti questi vantaggi, però, senza dubbio, una decisione tra ruote in lega e ruote in acciaio è facile da prendere?

Beh, i cerchi in lega sono molto più costosi dei cerchi in acciaio. Questo perché la produzione di cerchi in lega, pur essendo probabilmente più semplice con la fusione, è anche più costosa. Questo è anche dovuto in parte alle varie opzioni di progettazione disponibili oggi sul mercato. Quindi, sicuramente, qualcuno con un budget limitato avrà difficoltà a scegliere un set di cerchi in lega.

Inoltre, i cerchi in lega, pur essendo ancora durevoli, si piegano più facilmente e sono inclini a criccarsi in caso di urti violenti. Rende molto più difficile riparare i cerchi in lega quando sono danneggiati. L’acciaio, d’altra parte, spesso si piega anche dopo macabre implicazioni, ed è quindi più facile da riparare. Mentre alcuni cerchi in lega si piegano anche a seconda della quantità di nichel nel mix, la tolleranza è spesso inferiore a quella dei cerchi in acciaio.

Tuttavia, quando si tratta dei migliori cerchi da corsa là fuori, la maggior parte se non tutte le scelte sono cerchi in lega, e come tale, è l’unica scelta per le persone che cercano di avere una macchina da corsa-costruzione per un progetto.

Cosa sono le ruote da corsa?

Come suggerisce il nome, le ruote da corsa sono ruote esplicitamente progettate per le corse automobilistiche. Le ruote da corsa avranno leghe che massimizzano le prestazioni e la durata, riducendo il più possibile il peso. A prima vista, alcuni dei disegni delle ruote sembrano essere fragili, con raggi che appaiono sottili o hanno troppo poco materiale. Tuttavia, le migliori ruote da corsa sono spesso progettate da team e aziende con una vasta esperienza nelle corse. Ciò significa che, nonostante l’aspetto, la maggior parte delle ruote da corsa si comporterà come previsto con la massima durata e sicurezza.

Mentre le migliori ruote da corsa sono per lo più in lega, ora esiste una serie di ruote da corsa fatte di materiali più avanzati come la fibra di carbonio. Tuttavia, questo ha un prezzo. Vale a dire, un prezzo elevato. Ma se questo è ciò di cui avete bisogno per la vostra auto da corsa, e avete il budget per questo, allora sicuramente la fibra di carbonio è la scelta attuale di fascia alta per chi cerca le migliori ruote da corsa. Per tutti gli altri, i cerchi in lega sono più che sufficienti.

Le migliori ruote da corsa

La migliore ruota da corsa in assoluto – OZ Racing Ultraleggera

Paese di origine: Italia Materiale: Lega di alluminio fuso Design generale: concavo a 10 razze L’Ultraleggera è per una cosa: alte prestazioni. Il design e il peso dell’Ultraleggera sono esplicitamente destinati alle corse e sono la nostra scelta migliore per la migliore ruota da corsa. Ci sono tre opzioni per l’Ultraleggera: l’HyperGT HLT, l’Ultraleggera HLT e l’Ultraleggera HLT CL. Le ultime due sono consigliate per l’aggiornamento medio delle auto da strada, ma l’HyperGT HLT è davvero esplicitamente costruito per le competizioni GT3. L’Ultraleggera ha anche un design concavo. Le ruote concave sono progettate per le corse perché hanno una forma più resistente e duratura. Non solo, se dovessero essere danneggiate, sono anche più facili da riparare. E l’Ultraleggera è disponibile in un minimo di 17 pollici, fino a un massimo di 20 pollici, il che la rende un’opzione ideale per coloro che cercano di personalizzare veramente la propria auto. Ma l’Ultraleggera è soprattutto per le prestazioni. Il suo design concavo a 10 razze è in grado di resistere alle forti sollecitazioni delle corse. Dalla frenata improvvisa all’accelerazione istantanea, dalle curve strette ai lunghi tratti, il tutto dando alla vettura una buona e stabile trazione. Viene anche dall’Italia, un paese dove forma e funzione si fondono per diventare delle vere e proprie opere d’arte.

Best Streamlined Racing Wheels – Enkei RP03

Paese di origine: Giappone Materiale: Lega di alluminio fuso Design generale: 5 razze concave Le ruote da corsa giapponesi sono note per la tecnologia all’avanguardia prodotta secondo i più alti standard, e la Enkei RP03 non fa eccezione. Questo set di ruote da corsa è realizzato utilizzando una combinazione di quella che viene chiamata produzione più avanzata e forgiatura a flusso. È lo stesso metodo di produzione utilizzato per le ruote che sono adatte per le gare di Super GT e di Formula Uno. Così si ottiene la tecnologia più avanzata possibile quando si installano queste ruote da corsa nella vostra costruzione. Il design a 5 razze è resistente e adatto ai rigori stressanti delle corse. È così resistente che il produttore offre una garanzia strutturale a vita per il suo prodotto. E se c’è qualcosa da dire sui giapponesi è che fabbricano prodotti di alta qualità senza angoli di taglio.

La migliore ruota a più punti per le corse – BBS Super RS

Paese di origine: Germania Materiale: Lega di alluminio forgiata Design generale: concavo a più razze Progettato con un look classico in mente combinato con una tecnologia all’avanguardia, il BBS Super RS harkens back to the good ole’ days of multi-spoke wheels while still adhering to modern standards. È diversa dalla consueta selezione di ruote da corsa in quanto, invece di tagliare un calcio in alluminio per creare la ruota, è stata forgiata. La forgiatura dell’alluminio costringe il materiale a mantenere quella che è conosciuta come una matrice ad alta densità di grani. Questa matrice rende l’alluminio più forte e più resistente in condizioni estreme. Non lasciatevi ingannare dai raggi multipli sottili. La BBS Super RS è resistente come i chiodi ed è prodotta da un’azienda che ha ricevuto continuamente numerosi premi per la qualità nell’industria automobilistica.

Miglior cerchione in lega leggera resistente – SSR GTV01

Paese di origine: Materiale Giappone: Lega di alluminio forgiato Design generale: 5 razze concave SSR è noto per la produzione di ruote commerciali con praticamente gli stessi standard e metodi di quelle da corsa. E la SSR GTV01 non fa eccezione. Questa ruota in lega di alluminio è prodotta da un unico pezzo di un blocco di alluminio e forgiata in una semplice ma elegante configurazione a cinque razze. Il design è tutto incentrato sulla durata e sulla resistenza, pur mantenendo la leggerezza necessaria per le corse ad alte prestazioni. E otterrete esattamente ciò su cui gli esperti di corse saranno d’accordo come una delle migliori ruote disponibili oggi. La GTV01 è sottoposta ai rigorosi test e controlli di qualità della JWL per garantire che il vostro denaro sia ben speso per queste ruote ad alte prestazioni.

Migliori ruote da corsa di potenza – American Racing Torq Thrust

Paese di origine: Materiale USA: Alluminio Design generale: 5 razze paraboliche affusolate a 5 razze Realizzato con muscle car in mente, il design dell’American Racing Torq Thrust è apparso per la prima volta negli anni ’50. Ancora oggi, questo look classico è ancora la scelta migliore per chi cerca di costruire una potente macchina da drag racing che sicuramente farà girare la testa. Il design è ottimizzato per una potente accelerazione. Non solo è resistente e robusto, ma i contorni delle ruote sono fatti per migliorare il raffreddamento dei freni. Ha anche l’ulteriore vantaggio di ridurre la massa della ruota, migliorando ulteriormente le prestazioni. Inoltre, è disponibile in diverse dimensioni: dalle versioni da 14 pollici fino a quelle da 20 pollici. Questo per garantire che chiunque voglia scegliere questa ruota possa farlo per la propria corporatura. Questo design classico ha abbellito le copertine delle riviste fin dagli anni ’50, e con il passare del tempo, le tendenze stanno andando avanti, questo non cambierà presto.

Best Classic Racing Wheels – Volk Racing TE37

Paese di origine: Materiale Giappone: Alluminio forgiato monoblocco forgiato Design generale: 6 razze

Non lasciatevi ingannare dal look classico e vintage. Il TE37 è per le corse, e alcuni dicono solo per le corse in mente. A differenza della maggior parte dei design con cinque raggi, questo classico a sei razze è stupefacente nella sua simmetria visiva. La bellezza è eguagliata solo dalle sue prestazioni su strada. La leggerezza delle ruote e le dimensioni variabili da 13 pollici a 19 pollici danno ai costruttori di auto e agli appassionati la possibilità di scegliere la dimensione appropriata per la loro corsa. Questo assicura il massimo controllo e l’agilità senza doversi preoccupare di eventuali problemi di prestazioni. Considerato come uno dei cerchi in lega più importanti al giorno d’oggi, il Volk Racing TE37 pone l’asticella alta per chi cerca di eguagliare il rapporto tra estetica e prestazioni.

La ruota da corsa più avanzata – Carbon Revolution CR9

Paese di origine: Australia Materiale: Monopezzo in fibra di carbonio Design generale: 9 razze Questa creazione futuristica è forse la prossima tappa dell’evoluzione della ruota. Realizzata secondo i più alti standard, ciò che contraddistingue la CR9 è evidente fin dal momento in cui si posano gli occhi su di essa: è realizzata interamente in fibra di carbonio. Gli ingegneri hanno a malapena iniziato a graffiare la superficie di tutto il potenziale della fibra di carbonio come materiale, e questa azienda australiana ha fatto un passo avanti quando si tratta di utilizzare la tecnologia delle ruote. Realizzata con un unico pezzo di fibra di carbonio, la CR9 è forse la ruota da corsa più leggera oggi disponibile. Eppure, è anche tra le più robuste in termini di durata e resistenza. È questo perfetto rapporto peso/resistenza che rende la fibra di carbonio un materiale meraviglioso, e poterla utilizzare sotto forma di ruote da corsa è per alcuni, un sogno che diventa realtà. Ora, altre parti della vettura in fibra di carbonio, come il cofano, gli spoiler e altro ancora, possono essere abbinati alle ruote. Tuttavia, essere all’avanguardia della tecnologia ha un prezzo. E cavolo, quanto costa questa cosa. Con quasi 16.000 dollari, questa ruota da corsa all’avanguardia è forse solo per i costruttori di auto da corsa più entusiasti. Ma se avete i soldi da spendere e vi piacerebbe averla per l’auto dei vostri sogni, allora la CR9 è un’ottima scelta, anche se costosa.

0 Shares:
You May Also Like
Read More

Migliori Router Gaming

Migliori Router Gaming Come giocatore hardcore, c’è una cosa che può avere un impatto negativo sulla tua esperienza…

Migliori Case PC

Un case per computer racchiude tutti i componenti di un sistema informatico ed è una parte essenziale di…
Read More

Che cos’è Ambient Occlusion?

Nei primi tempi dei videogiochi, dove tutto ciò che avevamo erano pixel bidimensionali indistinguibili o grafica sprite, molto…
Read More

Cos’è il DPI del mouse

Ricordate i giorni in cui dovevate lavorare solo con un mouse meccanico per navigare sul vostro PC? Quello…
Read More

Miglior monitor Freesync

Che senso ha ottenere componenti costosi per il vostro sistema PC se non avete un monitor di gioco…