Migliori fotocamere mirrorless

Ultimo aggiornamento su da Nicholas Frost

Se possedete una fotocamera DSLR, potreste non vedere alcun motivo per prendere in considerazione il passaggio a una fotocamera mirrorless. Provarne una nel vostro negozio di fotocamere locale vi sorprenderà. Sono un passo avanti rispetto alle fotocamere DSLR e hanno un sacco di funzioni di cui probabilmente non sapevate di aver bisogno.

Questo articolo vi aiuterà a familiarizzare con le fotocamere mirrorless e vi incoraggerà a guardarle più da vicino.

Allora esploriamo il mondo delle fotocamere mirrorless.

Che cos’è una macchina fotografica senza specchio?

Una telecamera senza specchio è proprio quello che dice. Le fotocamere DSLR hanno uno specchio che dirige la luce dell’obiettivo sul sensore di immagine. Le fotocamere mirrorless lasciano che la luce cada continuamente sul sensore di immagine, dando un’immagine più chiara della scena in quel momento. Questo sviluppo relativamente nuovo della tecnologia delle fotocamere presenta molti vantaggi e pochissimi svantaggi.

FATTORI DA CONSIDERARE QUANDO SCEGLIERE LA TUA CAMERA SENZA SPECCHIETTI

Prima di tutto, esaminiamo i fattori da considerare quando si decide di passare a una telecamera senza specchio.

1. La vostra attuale fotocamera

Se possedete già una fotocamera, di che marca e modello è? Se proviene da un produttore di cui ti piacciono i prodotti, allora ci può essere un certo merito nell’acquistare una nuova fotocamera mirrorless dallo stesso produttore. In questo modo, sarete sicuri che la nuova fotocamera sarà all’altezza del solito standard.

Una seconda considerazione è che se avete lenti di un produttore e poi scegliete una fotocamera dello stesso produttore, queste lenti potrebbero benissimo adattarsi alla vostra nuova fotocamera.

2. Dimensioni

Le fotocamere Mirrorless tendono ad essere più piccole delle fotocamere DSLR, e ciò significa che è possibile infilarne una in una tasca o in una borsa quando si viaggia. Le dimensioni ridotte sono utili anche se si cerca di essere discreti quando si scatta una foto, ad esempio, ad un matrimonio. Alcune delle fotocamere full-frame senza specchio sono un po’ più grandi, perché il sensore full-frame ha bisogno di più spazio.

3. Scopo

Volete scattare immagini JPEG o immagini RAW? Alcune fotocamere sono migliori di altre in una di queste. Per uno sparatutto JPEG, l’elaborazione delle immagini all’interno della fotocamera deve essere di alto livello. Non è così cruciale per le immagini RAW come avviene in post-produzione, e gli eventuali difetti vengono risolti.

4. Fotografia in condizioni di scarsa illuminazione

Se si fa molta fotografia in condizioni di scarsa illuminazione, alcune delle fotocamere mirrorless con sensori Micro Quattro Terzi o APS-C potrebbero non essere adatte. Dovrete optare per quelle fotocamere che hanno sensori Full Frame.

5. Il vostro futuro ha bisogno di

Prima di acquistare la vostra nuova fotocamera, fermatevi a pensare al futuro. Cosa vuoi che faccia la tua macchina fotografica? Porterai la tua fotografia a un livello più alto in pochi anni?

Potreste pensare che una fotocamera entry-level vi darà la possibilità di abituarvi alla nuova tecnologia. Poi potrete acquistare una fotocamera di fascia più alta in un secondo momento, quando sarete abbastanza sicuri di poter sfruttare tutte le caratteristiche che queste fotocamere offrono. La maggior parte dei produttori offrono diversi modelli della stessa gamma, più tutti i componenti aggiuntivi come i flash, ecc.

6. Opzioni di trasporto

Tutti noi siamo abituati a trasportare le nostre fotocamere DSLR in grandi borse con tutti gli accessori che dovevano far loro compagnia. Le dimensioni più piccole delle nuove fotocamere mirrorless consentono di spostarle in modo molto più comodo. È possibile infilarne una in una tasca o in una piccola borsa. Tenete presente, però, che non tutte le fotocamere mirrorless sono piccole. Alcune fotocamere mirrorless hanno obiettivi più grandi, mentre altre hanno sensori a pieno formato, ed entrambe queste sfaccettature significano una fotocamera più grande.

7. Resistenza alle intemperie

Esci con la tua macchina fotografica in qualsiasi condizione atmosferica? Alcune delle fotografie più impressionanti che ho visto scattate durante una pioggia battente. Se questa è una delle cose che ti piace fare, allora devi assicurarti che la macchina fotografica che scegli di acquistare sia in grado di affrontare tutte le condizioni atmosferiche.

La maggior parte delle fotocamere senza specchio hanno una certa protezione dalle intemperie, sicuramente sufficiente a proteggere dagli spruzzi d’acqua o dalle goccioline che cadono da un albero. Saranno anche sicure contro il gelo e la polvere o la sabbia.

CARATTERISTICHE COMUNI NELLE CAMERE SENZA SPECCHIETTI

Le moderne fotocamere mirrorless hanno un numero incredibile di caratteristiche impressionanti incorporate, quindi diamo un’occhiata a quelle più comuni.

1. Capacità video

La capacità video è uno degli aspetti della fotografia in cui le fotocamere mirrorless hanno preso il sopravvento sulle fotocamere DLSR. Esse scatteranno video 4K a frame rate più elevati – fino a 120 fotogrammi al secondo.

Tuttavia, è necessario considerare alcune questioni tecniche se l’uso primario della vostra nuova fotocamera mirrorless sarà il video. Un bel po’ di telecamere mirrorless vengono vendute ai vlogger, dato che le loro capacità video superiori sono esattamente ciò di cui c’è bisogno. E’ bene avere uno schermo posteriore flip-out, in quanto questo aiuta i vlogger. Inoltre, la telecamera salta la linea durante la registrazione video o è in grado di leggere l’intero sensore? Quest’ultima offre una risoluzione eccellente e nitida, mentre il line-skipping produce due effetti indesiderati – moire, dove ci sono colori arcobaleno – un po’ come l’olio sull’acqua – e aliasing, dove appaiono linee diagonali frastagliate. Un altro problema su cui riflettere è se il “rolling shutter”, che può causare effetti indesiderati, è ben controllato. Alcuni modelli sono migliori di altri sotto questo aspetto.

I Vlogger potrebbero anche voler vedere un jack per il microfono o un jack per le cuffie, o entrambi, nella fotocamera. Durante l’intervista, entrambi sono un bonus.

2. Funzionamento silenzioso con otturatori elettronici

Una caratteristica vantaggiosa delle telecamere mirrorless è il funzionamento silenzioso. Utilizzano otturatori elettronici che non emettono alcun suono quando vengono premuti. Questa caratteristica è eccellente quando si cerca di scattare qualche foto alla fauna selvatica, di scattare fotografie ad un matrimonio, o di scattare fotografie candide per strada o in un locale.

L’avvento degli otturatori elettronici ha visto aumentare i tempi di posa ben oltre i soliti 1/4000s o 1/8000s, con velocità di scatto continuo che hanno raggiunto i 20fps e 60fps. Altre caratteristiche includono la possibilità di scattare un’immagine prima che l’otturatore sia stato completamente premuto, rendendo così la fotocamera senza specchio il tipo di fotocamera digitale più veloce.

3. Sensori a pieno formato

Ho già detto che alcune fotocamere mirrorless offrono sensori Micro Quattro Terzi. Questi sono abbastanza piccoli, a 17,3mm x 13mm. Adatti per la maggior parte dell’uso, ma non per la scarsa illuminazione e bokeh è solo decente piuttosto che eccellente.

I sensori APS-C sono di dimensioni immediatamente superiori a 23,5mm x 15,6mm nella maggior parte delle fotocamere, anche se Canon utilizza versioni leggermente più piccole. Adatti per scattare in condizioni di luce intensa. Un’opzione eccellente per il video, ma con possibilità di bokeh meno artistiche. Sia il sensore APS-C che il sensore Micro QuattroTerzi danno un controllo più naturale della messa a fuoco e della luce. La dimensione più grande che si trova tipicamente in una fotocamera senza specchio è il sensore Full-Frame. Con una risoluzione di 36 mm x 24 mm, questo offre anche la più alta risoluzione a 50 megapixel. Ottimo per lavori in condizioni di scarsa illuminazione e una profondità di campo molto sottile per aiutare il bokeh artistico. Dato che la profondità di campo è così stretta, ci possono essere difficoltà di messa a fuoco e l’abbagliamento della luce solare.

Gli opinionisti nel mondo delle telecamere stanno discutendo animatamente sul futuro dei sensori Micro Quattro Terzi (MFT). Alcuni ritengono che l’arrivo dei sensori Full-Frame rappresenti la fine dei sensori MFT, ma molti fotografi li amano. Sembrerebbe che continueranno ad avere un ruolo da svolgere finché ci saranno produttori disposti a produrre macchine fotografiche che li contengano.

4. La carica della batteria

Le fotocamere Mirrorless hanno ricevuto critiche per la loro durata relativamente breve. Tuttavia, la maggior parte di esse si carica tramite una porta USB, e questo significa che non è necessario portare con sé un caricabatterie quando si viaggia.

5. Mirino

È normale che le moderne fotocamere dispongano di un mirino elettronico attraverso il quale è possibile ottenere una visione dal vivo dell’immagine che si sta riprendendo. La qualità dei mirini elettronici è migliorata enormemente negli ultimi due anni, con i modelli di fascia media e alta che ora vantano un minimo di 2,4 milioni di versioni OLED a punti. Alcune fotocamere senza specchio hanno anche un mirino tradizionale, che si mette all’occhio quando si scatta la fotografia. Per alcune, questo le collega più immediatamente con l’immagine che desiderano catturare.

6. Stabilizzazione dell’immagine nel corpo del sensore

Alcune, anche se non ancora tutte, le telecamere mirrorless incorporano la stabilizzazione dell’immagine. I campi magnetici stabilizzano il sensore per evitare movimenti e vibrazioni della telecamera.

La stabilizzazione dell’immagine è utile quando si lavora in condizioni di scarsa illuminazione e si utilizzano tempi di posa lenti per compensare. A volte le immagini diventano sfocate e le mani tremolanti non aiutano. Neutralizzare questo problema è di grande aiuto. È anche un’eccellente caratteristica da avere quando si usano obiettivi lunghi.

Alcuni adattatori hanno anche la stabilizzazione dell’immagine, ma non tutti ce l’hanno. Quindi, averla nel corpo significa che si stabilizza anche se l’adattatore che si sta usando non ce l’ha.

7. Due slot per schede SD

Perché due slot? Uno non è sufficiente? Non proprio. Con due slot e due schede montate, si può sempre passare alla seconda scheda se la prima si riempie. Su alcune telecamere mirrorless, è possibile salvare su entrambe le schede contemporaneamente. Avere un back-up è geniale se una delle due carte si corrompe o si guasta in qualche modo.

È anche possibile regolare la configurazione di queste carte in base al proprio modo di lavorare. Salvare i file RAW su una scheda e i JPEG sull’altra è una soluzione.

8. La modalità ad alta risoluzione

La modalità ad alta risoluzione funziona prendendo una serie di immagini in sequenza e poi spostando il sensore di mezzo o un pixel per ogni fotogramma. Componendo queste immagini, si può ottenere una risoluzione più alta, dando una fotografia più nitida. Inoltre, la risoluzione del colore viene migliorata.

È più adatto per fotografie di still-life, o viste a distanza di paesaggi urbani. Non sopporta bene il movimento, quindi scatti ravvicinati di, ad esempio, cascate, o foglie che si muovono dolcemente, sembrano peggio usando la funzione. I produttori stanno sviluppando la tecnologia che sta alla base della funzione, quindi senza dubbio migliorerà nel tempo.

9. Rilevamento degli occhi La tecnologia dell’autofocus

La tecnologia dell’autofocus ha fatto progressi da quando è stata introdotta per la prima volta negli anni Settanta. Al giorno d’oggi, supponiamo che sia presente in ogni telecamera.

Le fotocamere Mirrorless hanno portato la tecnologia proprio nel ventunesimo secolo. Ora abbiamo più punti di messa a fuoco incorporati nei sensori di immagine e il rilevamento del contrasto è andato a nuovi limiti. Ci sono più impostazioni per il rilevamento del soggetto e, sebbene il rilevamento del volto non si sia ancora dimostrato efficace, il rilevamento degli occhi sì. Sony è stata la prima a commercializzare un sistema basato su un punto di rilevamento monofase che si concentra sull’occhio del soggetto. Altri produttori hanno sviluppato le loro versioni, mentre Sony ha fatto un altro passo avanti con un EyeAF per gli animali. Finora, questo è stato ben accolto.

Ho menzionato l’autofocus a rilevamento di contrasto, e questo è il sistema utilizzato in molte fotocamere mirrorless. Alcune fotocamere, tuttavia, noi un sistema ibrido che combina il rilevamento del contrasto con il rilevamento della fase. Questi sistemi ibridi funzionano più velocemente ma riducono l’area del sensore. Le telecamere mirrorless, tuttavia, hanno una messa a fuoco video molto più rapida e migliore.

10. L’Intelligenza Artificiale è l’ultimo sviluppo adottato dai produttori di fotocamere, che la stanno installando nelle loro fotocamere mirrorless il più rapidamente possibile. L’intelligenza artificiale è qui per rimanere, quindi ora dovremo tutti abituarci ad avere algoritmi e database incorporati nelle nostre telecamere per aiutare il riconoscimento del soggetto. Alcuni produttori stanno facendo progressi migliori di altri. Non passerà molto tempo prima che l’IA non sia più un espediente di marketing, ma è una parte essenziale di ogni telecamera.

Quando la fotocamera è in grado di riconoscere il soggetto in modo semplice e veloce, può scegliere il numero ottimale di punti di messa a fuoco. Poi li posizionerà automaticamente, e quindi farà meno lavoro per voi come fotografo. È già in fase di introduzione un software di apprendimento profondo che permetterà alla fotocamera di regolare le impostazioni in base a luminosità, colore, modelli e così via.

Questo software funziona perfettamente con soggetti in movimento, come sportivi, veicoli, aerei, animali, locomotive, ecc. Una volta avviato il tracking, la fotocamera farà il resto per voi. Tutto ciò di cui dovete preoccuparvi è il soggetto e la composizione. Per quanto ne so, l’unico soggetto che questa tecnologia non è riuscita ad affrontare sono gli uccelli in volo. Sono sicuro che sarà solo questione di tempo prima che anche questo venga migliorato.

11. Effetti di composizione

Se siete appassionati di progetti creativi, allora la possibilità di fondere più scatti in uno solo può essere utile. Facendo questo in-camera si ha il vantaggio di avere un’anteprima durante le riprese, e si evita anche la necessità di fare il lavoro in post-produzione. Essere in grado di vedere ciò che si sta creando vi dà la possibilità di apportare modifiche e miglioramenti man mano che si procede.

La funzione di composizione permette di creare scie stellari, pittura leggera ed effetti pirotecnici. Avere un’anteprima sullo schermo mentre si scattano gli scatti vi permetterà di fermarvi quando sarete soddisfatti del risultato. Salvate la vostra foto finita in un file RAW, e potrete sempre apportare modifiche e migliorarla in seguito.

Un’altra aggiunta, attualmente disponibile solo su una fotocamera mirrorless, ma che apparirà su altre molto presto, è la funzione Live ND. Con questa, è possibile scattare lunghe esposizioni senza dover utilizzare filtri ND. Collegata alla stabilizzazione dell’immagine, scattare foto a mano diventa facile. Non c’è bisogno di un treppiede, di filtri o di lunghi tempi di esposizione.

12. Il bracketing

Il bracketing è essenziale per alcune applicazioni. Il bracketing AE prende una sequenza di scatti, ciascuno con un’esposizione diversa, e li fonde in seguito. Altri tipi di bracketing sono stati aggiunti alla gamma disponibile e includono ISO, apertura, profilo colore, bilanciamento del bianco e messa a fuoco. Il bracketing della messa a fuoco può essere utile per i fotografi di paesaggi e macro. In questo modo, si scatta una sequenza di scatti a diverse distanze di messa a fuoco, che poi si impilano insieme durante la post-produzione per creare una maggiore profondità di campo. Una volta, lo si sarebbe fatto manualmente. Ora che la macchina fotografica può farlo per voi, potete risparmiare tempo e fatica, e il prodotto finito viene notevolmente migliorato. Sfortunatamente, non tutte le telecamere mirrorless incorporano il bracketing della messa a fuoco, ma come la maggior parte delle altre caratteristiche è destinata ad aumentare la disponibilità.

13. L’intervallo

La fotografia time-lapse è sempre stata popolare, e per molti anni sono stati disponibili telecomandi esterni che consentivano ad una fotocamera posizionata di scattare fotografie ad intervalli prestabiliti. Le fotocamere Mirrorless possono farlo come funzionalità integrata, risparmiando così un sacco di fastidi.

Alcune fotocamere mirrorless permettono di creare un video da tutte le immagini catturate, risparmiandovi il disturbo in post-produzione. Un altro aspetto di questa funzione che si svilupperà con il passare del tempo è la funzione di animazione in stop motion. Si può quindi avere la possibilità di vedere in anteprima ogni fotogramma mentre si lavora.

14. L’elaborazione RAW

L’elaborazione RAW è un pratico strumento da avere sulla vostra fotocamera in quanto vi permette di elaborare i vostri file RAW nella fotocamera. Molti fotografi preferiscono farlo utilizzando un computer, un grande monitor e un potente programma di fotoritocco. Tuttavia, essere in grado di eseguire questa operazione con la fotocamera significa che si risparmia tempo, che si può fare il lavoro in modo corretto e che si può reagire ai cambiamenti ambientali mentre si è ancora ’sul posto’. Tutto questo è possibile perché è possibile cambiare i colori, cambiare il bilanciamento del bianco, correggere l’esposizione e regolare contrasto e nitidezza. È quindi possibile terminare il lavoro e salvarlo come file JPEG.

15. Effetti creativi

Sembra che tutte le fotocamere mirrorless offrano una serie di effetti creativi come parte del pacchetto. Questi sono disponibili solo in combinazione con la modalità JPEG. Questi forniscono cose come l’isolamento dei colori, effetti di sfocatura, e altri che sono simili alle app che si possono ottenere per il vostro smartphone.

16. Connettività senza fili

La maggior parte delle fotocamere mirrorless hanno funzionalità Wi-Fi. È possibile collegare il vostro smartphone alla fotocamera in modo che possa collegarsi a questa connessione Wi-Fi. Il Wi-Fi consente di trasferire una fotografia al telefono, permettendo così di inviarla attraverso i social media. Significa anche che è possibile accedere alle applicazioni per modificare le fotografie e per aiutare a scattare fotografie.

17. Display top-plate

Di solito si possono trovare display top-plate su fotocamere mirrorless di fascia media e alta. Non sono essenziali, ma sono davvero utili.

Posizionati come sono sulla parte superiore della fotocamera significa che è sufficiente dare uno sguardo verso il basso per dare un’occhiata alle impostazioni di ripresa.

18. Schermi inclinabili vari-angolo e triassiali

Gli schermi LCD che sono una caratteristica così essenziale delle moderne fotocamere mirrorless devono essere facili da vedere. I produttori hanno quindi introdotto un elemento di flessibilità su alcuni modelli di telecamere.

La versione meno flessibile permette di inclinare lo schermo verso l’alto o verso il basso, e si può quindi tirare lo schermo verso di sé. La versione più flessibile ha lo schermo fissato al lato della telecamera con una cerniera. In questo modo sono possibili movimenti più ampi, compreso un giro di 180 gradi, in modo che lo schermo sia rivolto in avanti. Uno sviluppo più recente permette allo schermo di inclinarsi verso l’alto e verso il basso, ma anche di tirarlo lateralmente. Questo design è particolarmente utile per i lavori di ritrattistica quando si scatta da una posizione bassa o alta.

SUGGERIMENTI PER RAGGIUNGERE IL PIU’ DALLA TUA FOTOCAMERA SENZA SPECCHIETTI

Ecco alcuni consigli per passare a una fotocamera senza specchio.

1. Fare scorta di batterie

Le fotocamere mirrorless hanno la reputazione di avere una breve durata della batteria. Questo è comparativo, in quanto la maggior parte delle fotocamere mirrorless prenderà circa 300 immagini prima di avere bisogno di più potenza della batteria. Le fotocamere DSLR richiedono in media tra le 400 e le 700 immagini.

Pochi di noi prenderebbero 300 immagini in una sola seduta, quindi le batterie potrebbero non essere un problema. Tuttavia, vale la pena di averne qualcuna in più in mano, non si sa mai.

2. Sfruttate al massimo le caratteristiche del video

Le fotocamere Mirrorless girano video in 4K, che è un grande vantaggio che dovete utilizzare al massimo delle sue potenzialità. Con il 4K, avete una risoluzione molto migliore che vi permette di zoomare senza perdere chiarezza. E’ anche eccellente per tagliare fino ai primi piani, in quanto elimina i salti. Se si sta filmando un’intervista, passando da un’ampia inquadratura a corpo intero a un primo piano si può aggiungere enfasi ed effetto drammatico. Inoltre, farà sentire lo spettatore più connesso con il soggetto.

Anche l’acquisizione di immagini da un video 4K sarà di migliore qualità. L’inclusione della stabilizzazione dell’immagine nella vostra fotocamera mirrorless aiuterà anche a fornire una migliore qualità video.

3. Adoro la funzione di scatto silenzioso

Uno dei vantaggi significativi di una fotocamera mirrorless è la sua capacità di non fare rumore quando si scatta una fotografia, che apre opportunità che non esistono con le fotocamere DSLR.

Quando si inizia a usare la fotocamera mirrorless, le opportunità di scattare in silenzio diventano evidenti. Una delle principali è la fotografia sportiva – quante volte abbiamo visto giocatori di tennis rimandare uno scatto di un coro di clic della macchina fotografica accanto a loro? Ora si può scattare senza il rischio di disturbarli. La fotografia naturalistica è anche un’ottima opportunità per rimanere in silenzio. Scattare una foto non spaventerà il soggetto nel momento cruciale – bisogna preoccuparsi di calpestare un ramoscello secco! A molti di noi piace la fotografia di strada. È fantastico poter scattare fotografie che catturano un momento. Le persone che si dedicano alle loro attività quotidiane saranno più naturali e non si renderanno conto che le stai fotografando. Saranno i documenti sociali del futuro.

Un altro aspetto della fotografia che beneficia dello scatto silenzioso è la fotografia di matrimonio. Sempre più giovani coppie di sposi vogliono foto nel loro album di nozze che catturino momenti informali durante il loro giorno speciale. È possibile fare questo lavoro velocemente quando non sentono il clic.

4. Utilizzate obiettivi nativi

Gli obiettivi nativi sono progettati per funzionare con la specifica fotocamera che avete e funzioneranno con l’autofocus montato sulla vostra fotocamera. Non hanno bisogno di alcun tipo di adattatore.

Questi obiettivi nativi non devono essere necessariamente prodotti dallo stesso produttore della fotocamera. Ha senso avere lenti native per le lunghezze focali che si usano più frequentemente.

5. Non dimenticate le vecchie lenti

.
Potrebbe sembrare strano che in un colpo solo, dico di usare lenti native, e nel successivo consiglio di usare le vecchie lenti. Solo perché hai cambiato la tua macchina fotografica non significa che devi buttare via i tuoi vecchi obiettivi. Usando gli adattatori, possono ancora avere uno scopo con la vostra nuova macchina fotografica. Pertanto, quando si dispone di alcuni obiettivi speciali che sono specifici per un particolare lavoro, è ancora possibile montarli sulla nuova fotocamera. La gamma di obiettivi nativi è ancora piuttosto limitata, e i vecchi obiettivi specifici potrebbero sempre fare un lavoro per voi. Usarli potrebbe anche farvi risparmiare un po’ di soldi.

Se avete intenzione di usare le vecchie lenti, allora dovrete acquistare un adattatore. Questi sono disponibili in tre tipi. In primo luogo, c’è un adattatore manuale che non ha il controllo della messa a fuoco automatica. Poi c’è l’adattatore elettronico, che ha un certo controllo dell’autofocus, e al top della gamma c’è l’amplificatore di velocità.

TOP TEN BEST MIRRORLESS CAMERAS

Dopo aver discusso i vari aspetti del possesso di una fotocamera mirrorless, passiamo ai dettagli delle dieci migliori fotocamere sul mercato.

1. FUJIFILM X-T30

Il rilascio dell’X-T30 è stato il seguito dell’X-T3 alla fine dello scorso anno. L’X-T30 ha lo stesso nuovissimo sensore da 26,1 megapixel X-Trans 4 retroilluminato come l’X-T3. Il vantaggio che l’X-T30 ha rispetto all’X-T3 è il suo prezzo molto più basso.

Non importa il divario di prezzo, però, dato che l’X-T30 ha una massa di caratteristiche con video APS-C 4K completo, velocità di scatto fino a 30 fps e autofocus con supporto AI per la messa a fuoco di volti e occhi. Ha un corpo elegante e leggero dal design superbo che pesa 383 grammi. In generale, la fotocamera si maneggia bene, ma ha una presa piuttosto piccola e potrebbe scivolare via dalle vostre mani. La sua ristrettezza, tuttavia, fa sì che scivoli facilmente in una tasca, ed è ideale da portare via durante un viaggio o per la fotografia di strada.

Il design lascia cadere la fotocamera anche in un’altra zona. La presa del treppiede – essenziale in quanto non c’è una stabilizzazione all’interno del corpo – è molto vicina al vano batterie. Una conseguenza di ciò è che sarà necessario rimuoverla prima di poter raggiungere la batteria. La scheda di memoria è un po’ complicata da estrarre dal suo alloggiamento, poiché questo è troppo vicino al coperchio dello scomparto.

I vantaggi, però, aiutano a compensare questi piccoli inconvenienti. Ci sono sia il quadrante anteriore che quello posteriore per regolare l’ISO e le impostazioni dell’apertura, e il quadrante superiore per controllare le impostazioni di ripresa e la velocità dell’otturatore. Durante lo scatto a raffica continuo, fornisce una performance senza blackout.

La sua caratteristica migliore è la capacità video. Il Cinema 4K con uscita esterna a 10 bit è nitido, e c’è anche un jack per cuffie USB. C’è una porta per il microfono, ma è necessario un adattatore. Fujifilm ha incluso anche una porta micro-HDMI. Questa telecamera è un’ottima scelta per un vlogger, nonostante non ci sia un display posteriore flip-out.

La X-T30 ha prestazioni di ripresa impressionanti, con velocità di 30 fps possibili in alcune situazioni. L’autofocus utilizza il rilevamento di fase con 425 punti di tracciamento, e ci sono anche 117 aree ibride di rilevamento di fase e contrasto. Le prestazioni dell’autofocus sono quindi eccellenti.

In sintesi, questa offerta Fujifilm è una grande macchina fotografica e una delle migliori fotocamere mirrorless APS-C di fascia media sul mercato.

Pro

  • Il video 4K è nitido e chiaro.
  • L’autofocus a rilevamento visivo è eccezionale.
  • Le velocità di ripresa sono incredibilmente veloci.
  • Il design del corpo è eccellente e rende la gestione della fotocamera facile e semplice.
  • Contro

    • Purtroppo non c’è una stabilizzazione all’interno del corpo, con il risultato che in alcune situazioni potrebbe essere necessario un treppiede per fornire un solido supporto alla fotocamera.
    • C’è solo uno slot per schede di memoria, che limita le vostre scelte quando salvate il vostro lavoro
    • Il mirino elettronico non è davvero all’altezza dello standard che mi sarei aspettato anche da una fotocamera mirrorless di fascia media.
    • La batteria è piuttosto piccola, e potrebbe essere necessario prendere dei ricambi quando si va a fare un servizio urbano o quando si viaggia.

    2. NIKON Z6

    La Nikon Z6 ha seguito sul mercato la più costosa Z7 e ha fatto subito una grande impressione come nuovo concorrente più conveniente. Solo perché il prezzo è più basso non significa minori prestazioni o minori caratteristiche. Questa è una fotocamera senza specchio superiore sotto molti aspetti.

    La Z6 offre un’operatività full-frame, full pixel con il risultato di un video 4K pin-sharp, con un’uscita a 10 bit. La qualità dell’immagine e l’intensità dei colori ottenuti dal sensore da 24,5 megapixel sono impressionanti. È gratificante vedere la stabilizzazione a 5 assi nel corpo, che è una grande caratteristica. Nikon chiama questa caratteristica riduzione delle vibrazioni o VR, che è una coppia di iniziali che potrebbero facilmente essere confuse con la VR della Realtà Virtuale.

    Il corpo della Z6 è resistente alle intemperie e ha una grande presa che è un bonus se si attaccano lenti pesanti. Essendo più piccola e più leggera di una fotocamera DSLR, è l’ideale per una fotocamera multiuso senza specchio. È eccellente per la fotografia di strada, il lavoro di paesaggio, la fotografia di matrimonio, l’uso turistico e la fotografia in generale.

    L’autofocus funziona ragionevolmente bene, purché il soggetto rimanga ragionevolmente fermo e sia veloce. Ci sono 273 punti di rilevamento di fase e di contrasto attraverso il sensore. Nikon non include la messa a fuoco automatica del rilevamento degli occhi, quindi è molto probabile che in determinate circostanze si ottengano occhi fuori fuoco e nasi sfumati. In modalità video, la Z6 è impressionante, con risultati eccellenti in condizioni di scarsa illuminazione e di notte. L’uscita dalla modalità video è di 10 bit, 4:2:2:2 log su un dispositivo di registrazione esterno.

    La Z6 è un’impressionante fotocamera mirrorless con alcune capacità video che battono il mercato. Le caratteristiche fotografiche standard della Z6 corrispondono a quelle delle macchine fotografiche di prezzo simile, ma sono le caratteristiche video che mettono questa particolare macchina fotografica in vantaggio.

    Pro

  • La Z6 include la stabilizzazione all’interno del corpo, che sarà utile in molte occasioni.
  • Produce immagini fantastiche con colori precisi e nitidi.
  • Il corpo è ergonomicamente ben progettato ed è comodo da tenere e facile da usare.
  • Le porte del microfono e delle cuffie sono entrambe previste per chi ne ha bisogno.
  • Contro

    • Il tracciamento del soggetto con autofocus sulla Z6 è, nella migliore delle ipotesi, piuttosto ordinario.
    • La Z6 ha un solo slot per schede di memoria e utilizza il formato XQD, che non è facile da trovare e può essere costoso.
    • In questa fotocamera, il display touch non si capovolge, il che può essere uno svantaggio nel vlogging.
    • C’è una scelta limitata di obiettivi nativi di Nikon, anche se altri sono in arrivo nel 2020.

    3. CANON EOS R

    Con il modello EOS R, Canon introduce sul mercato il suo nuovo sistema di innesto per obiettivi. È la loro prima fotocamera full-frame senza specchio e ha alcune super caratteristiche. La maneggevolezza è eccellente, così come i primi obiettivi che i costruttori hanno messo a disposizione per essa. La EOS R scatta immagini superbe con una qualità d’immagine impressionante e dispone di un’accurata messa a fuoco automatica Dual Pixel. Il corpo è robusto, resistente alle intemperie e ha una grande presa, il che significa che non vi scivolerà di mano inaspettatamente.

    Il nuovo sistema di montaggio dell’obiettivo, l’RF, è grande, e poiché la distanza della flangia è di soli 20 mm, è possibile scattare immagini nitide e chiare. Ci sarà un’intera famiglia di obiettivi in futuro, e da essi non mi aspetto altro che la perfezione.

    Ci sono già quattro lenti RF disponibili, e ci sono anche tre nuovi adattatori di stile. Questi vi permetteranno di utilizzare altri obiettivi Canon sulla EOS R. Gli adattatori sono, come è noto, un costo aggiuntivo. Tuttavia, se siete un fan della famiglia di attrezzature fotografiche Canon, uno di questi sarebbe un buon investimento.

    Un bonus inaspettato è la lunga durata della batteria. Se utilizzata per scatti regolari, la batteria produrrà il doppio degli scatti rispetto a una batteria media per fotocamere senza specchio. Ci sono porte per microfono e cuffie, e USB-C e micro-HDMI in aggiunta. C’è solo uno slot per schede SD, e questo metterà la EOS R in una posizione di svantaggio rispetto alle fotocamere concorrenti che offrono due slot di serie. Un altro fattore che metterà la EOS R in una posizione di svantaggio rispetto ai suoi rivali è la mancanza di stabilizzazione all’interno del corpo. La mancanza di stabilizzazione all’interno del corpo è aggravata dalla mancanza di stabilizzazione nei due migliori obiettivi che Canon fornisce.

    Il mirino elettronico, tuttavia, è magnifico. Con un mirino OLED a 3,69 milioni di punti, i risultati sono più brillanti, hanno una risoluzione brillante e una rapida velocità di aggiornamento. Inoltre, c’è un display touchscreen posteriore flip-out, completamente articolato, che i vlogger ameranno. Questa caratteristica è particolarmente importante in quanto il pulsante per la registrazione video si trova sulla parte superiore del corpo, quindi niente armeggi!

    Pro

  • C’è una scelta di adattatori che permettono ad altri obiettivi Canon di adattarsi a questo modello.
  • L’autofocus Dual Pixel è incredibilmente preciso.
  • La qualità delle immagini, soprattutto quando si scattano foto, è eccezionale.
  • Il corpo della fotocamera è robusto e resistente alle intemperie e rende facile la manipolazione.
  • Contro

    • Non c’è una stabilizzazione all’interno del corpo, che sembra una stupida omissione su una fotocamera di questo standard.
    • Quando si usa la telecamera per il video, il taglio 1,8x e un massimo di 30 fps è uno svantaggio significativo.
    • Un solo slot per schede SD mette questa fotocamera in una posizione di svantaggio rispetto ai suoi rivali.
    • Non c’è un joystick, e il touchpad di ricambio non è molto affidabile.

    4. PANASONIC LUMIX S1R

    Panasonic ha preso d’assalto il mercato di nicchia delle telecamere mirrorless video-oriented e ora è entrata nel più redditizio mercato full-frame con i modelli S1 e S1R.

    L’S1R è robusta e maneggevole, ma pesa 1.020 grammi, sia con la batteria che con la scheda di memoria montata. L’impugnatura è la più grande di tutte le fotocamere mirrorless, il che significa che non verrà fatta cadere in qualsiasi condizione atmosferica. Resistente alle intemperie, può operare in un’ampia gamma di temperature, dall’ondata di caldo al freddo invernale.

    La dimensione extra ha dato a Panasonic la possibilità di includere molti comandi manuali. Il joystick, i controlli ISO e i quadranti sono posizionati in modo eccellente. I controlli di ripresa e i controlli di messa a fuoco hanno i loro pulsanti dedicati, quindi non c’è bisogno di cercare in un menu per trovarli. L’unico inconveniente è che l’interruttore on/off non è ben posizionato.

    Mentre il display posteriore non è completamente snodato, può inclinarsi,

    Altre fotocamere Panasonic mirrorless hanno questa caratteristica, quindi è un mistero il motivo per cui l’hanno lasciata fuori dalla S1R. I menu della S1R sono organizzati in categorie e sottocategorie in modo logico e facile da seguire. È tutto completamente programmabile, in modo da poter impostare tutto nel modo desiderato.

    Altre caratteristiche ne fanno una fotocamera superba. L’inclusione di due slot per schede SD, sia per le cuffie che per il microfono, e la presenza di una porta USB-C e di una porta HDMI a grandezza naturale. L’app Lumix Sync è una delle migliori disponibili e, rispetto alle app di altri produttori, è facile da usare.

    Il soggetto, il volto e i sistemi di tracciamento degli occhi sono veloci e potenti. Esiste anche un sistema di tracciamento degli animali che funziona bene nella maggior parte delle situazioni. Il software per il tracciamento degli animali è una recente introduzione alle telecamere mirrorless, e ci si può aspettare di vedere un miglioramento delle sue prestazioni nel prossimo anno.

    La S1R è una bella fotocamera con un sacco di caratteristiche che rendono l’utilizzo di esso una gioia. La qualità dell’immagine è eccezionale, e anche le sue capacità video sono così buone. Il grosso problema è il prezzo, dato che i concorrenti stanno introducendo telecamere sempre più numerose e più economiche che sono altrettanto buone.

    Pro

  • La robustezza della S1R la rende facile e confortevole.
  • La risoluzione dell’immagine è impressionante, producendo fotografie sempre chiare e nitide.
  • Con la stabilizzazione a 5 assi nel corpo, non c’è bisogno di preoccuparsi delle vibrazioni della fotocamera o della necessità di un treppiede. Un treppiede dovrebbe essere robusto se si decide di averne bisogno.
  • Due slot per schede SD rendono il salvataggio del lavoro molto più facile e meno rischioso.
  • Le eccellenti prestazioni video rendono questa una buona macchina fotografica per un videografo. I Vlogger potrebbero trovarla troppo pesante.
  • Contro

    • L’autofocus con rilevamento del contrasto non è buono come alcune fotocamere rivali più economiche.
    • La S1R è pesante, e questo potrebbe essere un problema quando si porta in giro la fotocamera.
    • Il prezzo elevato scoraggerebbe molti potenziali acquirenti. Ci sono telecamere più economiche disponibili che sono altrettanto buone.
    • La S1R non funziona così bene in condizioni di scarsa illuminazione.

    5. SONY A6400

    L’A6400 utilizza un corpo quasi identico a quello dell’A6300, uscito nel 2016. La disposizione dei controlli è abbastanza simile, anche se Sony sostiene di aver leggermente migliorato il corpo contro l’umidità e la polvere. La differenza più evidente è la maggiore presa. I controlli di tutte le telecamere Sony possono essere un po’ scomodi da usare, e l’A6400 non fa eccezione.

    Il mirino elettronico è lo stesso con 2,36 milioni di punti delle altre fotocamere Sony di questa serie. Il display posteriore è un miglioramento significativo, tuttavia, con un touchscreen piuttosto che un joystick, per la messa a fuoco, il tracciamento di un soggetto e la ripresa dell’immagine. Purtroppo, il touchscreen non consente di accedere ai menu o alle impostazioni. Si inclina verso il basso fino a 90 gradi, e si inclina verso l’alto e oltre 180 gradi.

    I menu di Sony possono essere frustranti da usare, perché di solito non sono molto ben organizzati. In questa fotocamera, hanno reso la personalizzazione molto più gestibile, quindi prima di tutto impostate la fotocamera, e poi andate a scattare.

    Ora c’è una scelta di obiettivi da utilizzare con questa telecamera, in quanto è dotata del sistema E-Mount di Sony. Non solo la gamma di obiettivi Sony è disponibile, ma altri produttori di obiettivi producono obiettivi che si adattano al sistema.

    La A6400 è una grande macchina fotografica per la fotografia con il suo superbo sistema di autofocus di tracciamento. Il software e l’elettronica di questo modello sono i veri miglioramenti rispetto alle precedenti. Ha l’autofocus a occhio nudo e il tracking con supporto AI, e questa è una caratteristica superba.

    Pro

  • L’A6400 ha una messa a fuoco automatica di alta qualità per il tracciamento degli occhi e del viso.
  • Ha una velocità di scatto a raffica.
  • I pulsanti programmabili sono stati migliorati, il che li rende più facili da usare.
  • Contro

    • L’A64000 soffre di un grave effetto “rolling shutter”.
    • Non c’è una stabilizzazione all’interno del corpo, il che lo rende inadatto ai vlogger.
    • Il sensore dell’A64000 è ormai superato.
    • Non c’è una porta per le cuffie inclusa.

    6. Olympus OM-D-EM10 Mark III

    Questa fotocamera è un aggiornamento della vecchia versione Mark II. Le nuove caratteristiche includono video 4K e un processore di immagini con più potenza, e che utilizza 121 punti di messa a fuoco automatica. I produttori hanno dato un lifting all’esterno e ai comandi.

    All’interno del corpo, la Mark III utilizza lo stesso sensore Micro Quattro Terzi della Mark II. L’utilizzo di questo sensore di queste dimensioni significa che anche gli obiettivi possono essere più piccoli, il che è ottimo quando si viaggia. C’è anche un sistema di stabilizzazione a 5 assi all’interno del corpo che aiuta quando si fa fotografia in condizioni di scarsa illuminazione.

    In uso, il Mark III si maneggia bene, aiutato da un’impugnatura allargata con il pollice. C’è un grande interruttore on/off, due quadranti di controllo in metallo e un grande quadrante in metallo. Lo schermo posteriore si inclina sia verso l’alto che verso il basso, ma non c’è una cerniera completamente articolata.

    Il mirino elettronico e il touchscreen posteriore sono entrambi buoni. Olympus non ha tagliato gli angoli, quindi il mirino ha una risoluzione di 2,36 milioni di punti. Il mirino è chiaro, con colori brillanti, ed è privo di ritardo nella luce migliore.

    Pro

  • Il Mark III offre un eccellente rapporto qualità-prezzo. Nonostante sia un prezzo base, sono disponibili molte altre caratteristiche più avanzate.
  • Ha una stabilizzazione a 5 assi nel corpo, che Olympus ha chiaramente ritenuto essenziale quando ha incorporato il video 4K.
  • I controlli esterni sono ben posizionati e più di quanto ci si potrebbe aspettare da una telecamera in questa fascia di prezzo.
  • Il prezzo lo mette ben in tasca ai potenziali utenti alla ricerca di una fotocamera entry-level, ma beneficerà di queste caratteristiche extra.
  • Contro

    • Una cerniera completamente articolata avrebbe reso questa una fotocamera migliore per i vlogger.
    • La risoluzione non è di prima classe, ma la resa del colore compensa questo.
    • Il mirino può diventare un po’ confuso se si cerca di tracciare un soggetto che si muove velocemente.

    7. Sony A6000

    L’A6000 è una vecchia scommessa nel mercato delle telecamere mirrorless, essendo stata introdotta nel 2014. Rappresenta ancora un valore eccezionale come telecamera entry-level, soprattutto perché Sony ha ridotto il prezzo quasi al minimo.

    L’A6000 è ancora molto più avanti di molte altre fotocamere per le riprese d’azione. Vanta un sistema ibrido di messa a fuoco automatica dove 179 punti AF a rilevamento di fase lavorano con 25 punti di rilevamento del contrasto. Vi è anche una ripresa a raffica a 11 fps con tracciamento della messa a fuoco. Per gli altri appassionati, l’A6000 offre un sensore APS-C da 24MP, un mirino OLED ad alta risoluzione e uno schermo LCD inclinabile, oltre alla disponibilità del Wi-Fi.

    L’A6000 è una piccola fotocamera con tutti i vantaggi che offre, ma il design è un po’ antiquato. È, però, una bella fotocamera da usare, è reattiva e produce immagini eccellenti.

    Pro

    • Anche se è una fotocamera più vecchia, ha ancora una serie di potenti caratteristiche che la rendono un’ottima scelta entry-level.
    • Il sensore 24Mp è nitido e
    • -C’è un mirino elettronico incorporato.

    Contro

    • Lo stile del corpo ora sembra un po’ datato. Siamo generosi e chiamiamolo ’vintage’.
    • L’obiettivo più grande rende più difficile la gestione della fotocamera.
    • Non c’è una capacità 4K, che molti utenti potrebbero sentire di aver bisogno nella loro nuova fotocamera.

    8. Canon EOS M200

    Ci sono rapidi cambiamenti in atto nel mercato delle fotocamere mirrorless. I produttori devono tenere il passo, ma la maggior parte non vuole far emergere fotocamere completamente nuove quando devono aggiornare i modelli esistenti. Canon ha fatto proprio questo aggiornando il suo modello M100 per renderlo più attraente per il cliente entry-level e per coloro che desiderano passare da uno smartphone.

    Nel caso della M100, Sony ha appena aggiunto l’autofocus Eye-detect e l’opzione video 4K. C’è anche un touchscreen inclinabile sul retro. C’è ancora un sensore APS-C installato in uno dei più piccoli corpi disponibili. La nuova M200, ribattezzata M200, è stata così resa un po’ più competitiva e maneggevole per chi ha appena iniziato a fotografare.

    La M200 è una buona macchina fotografica senza specchio che farà un lavoro capace per voi. Dovrete rinunciare ad alcune immagini che potreste voler scattare, come i soggetti in rapido movimento. Produrrà fotografie decenti con pochissimo trambusto, ma con una grande risoluzione. Grazie alle dimensioni ridotte, può essere scattata in viaggio e può essere utilizzata dove è necessario essere discreti quando si scattano fotografie.

    Professionisti

    • Le dimensioni ridotte la rendono una macchina fotografica ideale per viaggiare.
    • Gli obiettivi sono intercambiabili, migliorando così la flessibilità della fotocamera.
    • Produce immagini eccellenti e chiare che sono altrettanto buone, se non migliori, della concorrenza.
    • Ci sono funzionalità Wi-Fi e Bluetooth.
    • Buon rapporto qualità-prezzo per una fotocamera in questa fascia di prezzo

    Contro

    • Non c’è alcuna presa sul corpo della fotocamera, che potrebbe farla scivolare fuori dalla mano.
    • La funzione di elaborazione RAW in-camera è stata abbandonata e sostituita dalla modalità Craw (RAW compresso), dove i file vengono snelliti e richiedono un approccio diverso in post-produzione.
    • La qualità dell’immagine in condizioni di scarsa illuminazione non è troppo buona.

    9. SONY a7R IV

    La a7R IV è una macchina fotografica più costosa, ma è piena di caratteristiche che la rendono una delle scelte migliori per il fotografo più esperto.

    Con questa fotocamera, siamo di nuovo alla ricerca di un aggiornamento rispetto a un modello precedente, in questo caso, la a7R III. Il cambiamento più significativo è l’introduzione del “Real-Time Auto Focus Tracking” di Sony. Questo sistema è stato programmato per riconoscere le persone, i volti e gli occhi e, di conseguenza, rintraccerà i soggetti intorno all’inquadratura. È consapevole che un soggetto umano non è scomparso quando si allontana dalla macchina fotografica. Quando si girano indietro, il riconoscimento del volto o degli occhi ritorna rapidamente. Di conseguenza, questo sistema affidabile, facile da usare, significa che non è necessario entrare nei menu per modificare le impostazioni. Anche la modalità video trae vantaggio da questo sviluppo, poiché il vecchio ’Center Lock-On AF’ non è più disponibile.

    Anche il corpo dell’a7R IV è stato migliorato, con pulsanti più grandi, un mirino ad alta risoluzione, un joystick più robusto per il punto AF e miglioramenti per proteggere da polvere e umidità.

    Un altro notevole miglioramento è l’introduzione di una scheda ’My Menu’, che si può riempire con le impostazioni che si usano più spesso. Così, c’è meno lavoro per la vostra memoria, meno possibilità di errori e meno perdite di tempo. Oltre a questa nuova funzione, un’altra che permette di personalizzare 11 dei pulsanti che appaiono sulla fotocamera. È possibile salvare queste impostazioni personalizzate su una scheda SD, e questo significa che è possibile utilizzarle su un corpo diverso o tornare ad esse se si sono provate impostazioni diverse.

    La a7R IV è una superba fotocamera di fascia alta con molte caratteristiche avanzate. Quindi questa è una scelta fantastica di fotocamera per un fotografo professionista o per un esperto fotografo per hobby che ama lavorare con attrezzature superiori.

    Professionisti

    • La risoluzione è fantastica, soprattutto in modalità scatto singolo.
    • Il corpo della fotocamera è ben sigillato contro le intemperie e ha una comoda e ampia impugnatura.
    • La durata della batteria è buona, e c’è la ricarica USB in dotazione.
    • C’è un’eccezionale selezione di obiettivi disponibili, soprattutto per i ritratti.
    • – Con due slot per schede SD è possibile ridurre problemi come il guasto della scheda o le schede complete.
    • Il Mark IV ha un’opzione di scatto completamente silenziosa.

    Contro

    • Non c’è uno schermo LCD a piastra superiore per consentire il monitoraggio delle impostazioni della fotocamera.
    • Il Mark IV non prevede la conversione RAW nella fotocamera, che impedisce la condivisione dei file.
    • Saranno necessarie schede di memoria di grande capacità per far fronte ai file di grandi dimensioni che questa fotocamera può produrre.
    • Il Mark IV non consente di passare da fermo immagine a video fino a quando il buffer non viene cancellato.
    • Le impostazioni di esposizione vengono portate in modalità video da quella di fermo immagine, cosa che non accade su altre fotocamere simili.

    10. Fujifilm X-T20

    L’X-T20 è il fratello più economico dell’X-T2, che contiene molte caratteristiche della versione precedente, ma ad un prezzo inferiore. L’X-T20 è più piccolo e leggero, ma incorpora ancora molte delle utili caratteristiche dell’X-T2. Il corpo ha un tocco un po’ retrò, ma c’è una buona presa e tutte le manopole e i pulsanti sono presenti, ma le dimensioni più piccole li rendono meno facili da usare.

    La prima cosa che rimane è il sensore CMOS III X-Trans CMOS III da 24MP. Sia che si scatti in RAW o JPEG, le immagini risultanti sono nitide, nitide come l’aria gelida e dai colori vivaci. L’X-T2 ha un processore incredibilmente veloce, e questo è stato portato anche nell’X-T20. Pertanto, si hanno buone velocità di messa a fuoco automatica, tempi di ritardo dell’otturatore più brevi e un tempo di scatto rapido.

    Il tempo della batteria sarà sempre un problema con le fotocamere mirrorless. La X-T20 ha la stessa batteria della X-T2, e questo è il meglio che Fuji può fornire ora. La batteria fornisce 350 scatti per ogni carica, che è intorno alla media delle fotocamere mirrorless nella fascia media. La durata della batteria si riduce comunque quando è in uso un mirino elettronico, e questi sono praticamente standard sulle fotocamere mirrorless.

    Un altro prestito della X-T2 è l’impressionante autofocus. 325 punti AF selezionabili riescono a coprire la maggior parte dell’inquadratura in modo perfettamente adeguato. C’è un touchscreen, che è una caratteristica sempre più standard sulle fotocamere mirrorless, e che la maggior parte degli utenti si aspetta di vedere.

    Il lato negativo più evidente è che non esiste una funzione di stabilizzazione all’interno del corpo. Sarebbe necessario acquistare un obiettivo che incorpori uno stabilizzatore d’immagine.

    Ci sono alcune caratteristiche che non compaiono sull’X-T20, queste non tolgono molto a una fotocamera che fa praticamente tutto ciò di cui potrei aver bisogno.

    Pro

  • L’X-T20 prende la maggior parte delle migliori caratteristiche dell’X-T2 e le mette in un corpo più piccolo.
  • Le immagini prodotte dal sensore sono di uno standard molto elevato.
  • Il sistema di messa a fuoco automatica è impressionante.
  • Contro

    • Non essendoci alcuna protezione dalle intemperie, non è consigliabile utilizzare l’X-T20 sotto la pioggia o quando c’è polvere in giro.
    • C’è solo uno slot per schede SD, che riduce la flessibilità.
    • L’X-T20 non ha l’opzione di una presa per la batteria, ma questo potrebbe non essere una considerazione significativa per la maggior parte degli utenti.
    • Date le ridotte dimensioni del corpo, ci sono state alcune modifiche apportate ai pulsanti e ai quadranti, che li rendono solo un po’ più difficili da utilizzare.

    CONCLUSIONE

    Ci sono molte fotocamere mirrorless sul mercato al momento, la maggior parte delle quali proviene da una manciata di produttori – Sony, Fuji, Panasonic, Canon e Olympus. La tecnologia ad esse associata sta avanzando rapidamente, per cui compaiono spesso nuovi modelli.

    0 Shares:
    You May Also Like
    Read More

    I migliori giochi MOBA

    Ti piace giocare ai giochi di strategia cooperativa? Ti entusiasmano le competizioni ad alta posta in gioco? Allora,…
    Read More

    I migliori giochi MMO

    Ai tempi, i videogiochi si giocavano per lo più da soli in salotto o con un paio di…
    Read More

    Miglior TV gaming

    Cosa rende una TV la migliore TV gaming d’azzardo? Si può collegare una console (o un PC) a…
    Read More

    Migliori giochi di puzzle

    I giochi di puzzle sono divertenti, impegnativi e di facile accesso, anche se il tempo a disposizione è…