Cadence of Hyrule Recensione

Ultimo aggiornamento su da Nicholas Frost

Nel settore dei videogiochi, alcuni dei giochi di maggior successo si sono affermati come un intero franchise. E questi franchising si estendono per anni, a volte anche decenni, attraverso molteplici piattaforme e diversi stili di gioco. Un franchise di gioco potrebbe iniziare come un semplice gioco di platform, e trasformarsi per includere un gioco di corse, un gioco di combattimento, un gioco di ruolo, e così via. È questa adattabilità e diversità che fa sì che un franchise di giochi sopravviva per molti anni e raggiunga diverse generazioni di giocatori nel corso della sua vita.

Un’azienda nota per i suoi franchise di lunga data è Nintendo. Questa azienda è sorta dalle ceneri del grande crollo dei videogiochi degli anni ’80. Da allora, ha generato diversi franchise di videogiochi di alto livello, che includono il franchise Super Mario, il franchise Donkey Kong e il popolarissimo Legend of Zelda franchise.

Ci sono quasi venti giochi di Legend of Zelda realizzati da quando il primo è stato rilasciato tre decenni fa. Ma questi sono solo i giochi “principali”. Diversi giochi “minori” si allontanano dalla formula originale. Questi offrono una varietà di gioco ancora maggiore a diversi tipi di appassionati. Questo non vuol dire che la ricetta unica non sia cambiata o evoluta, perché è così. Ma i giochi minori sono vie che permettono ai creatori di sperimentare diverse idee che offrono ore di divertimento a giocatori di ogni tipo.

L’ultima puntata di questi giochi minori di Legend of Zelda che si distaccano dalla formula è Cadence of Hyrule. Questo gioco, che è qualcosa di simile alle ali di pollo al cioccolato fondente (dove si fondono molto bene due diversi sapori diversi), è un’esperienza di gioco divertente. Se siete fan sia dei giochi di ruolo d’azione che dei giochi di ruolo d’azione e vi muovete ai battiti cardiaci di buone canzoni, allora questo gioco è perfetto per voi.

Ma prima di tuffarci in ciò che è Cadence Of Hyrule, facciamo prima un viaggio indietro nella memoria per saperne di più sul franchise che ha dato vita a questa esperienza di gioco davvero unica.

History Of The Legend of Zelda Franchise

I giochi The Legend of Zelda ruotano intorno alla principessa Zelda, uno dei personaggi centrali del gioco ambientato nel regno immaginario fantasy di Hyrule. È un malinteso comune che il personaggio principale giocabile si chiami Zelda, per la gioia dei fan e anche dei creatori. Il personaggio principale giocabile è, infatti, Link, il popolare eroe vestito di verde e che brandisce varie armi durante i giochi. Combatte per il bene e la giustizia in tutto il paese e cerca di battere il principale antagonista della serie di giochi, Ganondorf, un feroce signore oscuro che vuole conquistare tutti. Questi tre personaggi principali possiedono ciascuno un pezzo della Triforza, un potente artefatto che porta le virtù delle tre dee che hanno creato il mondo. La principessa Zelda brandisce la Triforza della Saggezza, Link usa la Triforza del Coraggio e Ganondorf detiene la Triforza del Potere. Quando tutti i pezzi della Triforza si combinano in perfetto equilibrio, la Triforza esaudisce il desiderio del possessore.

Il retroscena suona come una semplice storia che è intesa più come una storia per bambini che come una serie di videogiochi. E avrete ragione. È perché il creatore della serie, Shigeru Miyamoto, si è ispirato ai suoi ricordi d’infanzia, esplorando le colline, le foreste e le grotte del suo paese natale, il Giappone. Un elemento chiave di questa infanzia è stata la scoperta di una grotta in mezzo ai boschi. Mentre la maggior parte dei bambini poteva tornare indietro, Shigeru è entrato coraggiosamente con una semplice lanterna per la luce. Si è rivelato un punto di svolta per la leggenda dei videogiochi ed è diventato il trampolino di lancio per l’intero franchise di Zelda.

Si dice che Shigeru Miyamoto abbia trovato il nome della moglie di F. Scott Fitzgerald, Zelda, un nome dal suono piacevole. È per questo che ha dato il suo nome alla sua serie di giochi e al personaggio titolare. Link, l’eroe principale, è stato ispirato sia da Peter Pan che da Trilli, e la sua arma, la Master Sword, è stata ispirata da Excalibur.

Nonostante la natura semplice della tradizione principale, numerose ramificazioni complesse e storie secondarie per ogni gioco principale che è venuto dopo il primo. Mentre la linea temporale della creazione dei giochi è abbastanza chiara, la linea temporale della storia dei giochi stessi è piuttosto complicata.

Di seguito affronteremo la linea temporale dei giochi principali e non la linea temporale dei giochi.

  1. The Legend of Zelda (1986) – questo è il gioco che ha messo il franchise sulla strada della grandezza. Qui sono stati stabiliti gli elementi principali del franchise che esistono ancora oggi, in una forma o nell’altra: i personaggi principali, la tradizione e l’azione. Il gameplay di questo nonno di un gioco è quello di un gioco in 2D con un punto di vista “sopraelevato”, dove si può vedere una grande porzione del mondo di gioco per ogni schermata che si entra. Il mix di puzzle-solving, azione hack-and-slash, e una tavolozza di colori vivaci definiscono lo standard che sarà copiato da molti altri giochi.
  2. L’avventura di Link (1987) – solo il secondo gioco del franchise e già questo gioco ha cercato di staccarsi dalla formula stabilita. Mentre si controlla ancora Link e si ha anche un’esperienza di action-RPG, si è spostato dal POV in alto e ne ha usato uno a scorrimento laterale. Ora è un gioco per lo più in 2D, quasi di tipo platform, che è meno esplorativo e molto più azione e combattimento. L’elemento RPG è anche aumentato con l’uso di punti esperienza per aumentare la potenza delle abilità. E Link ora può anche lanciare incantesimi da questo gioco. Nonostante l’audace rottura della formula, nessun altro gioco di Legend of Zelda ha più copiato lo stile a scorrimento laterale.
  3. A Link to the Past (1991) – Il terzo gioco della serie ha debuttato sulla console che sarebbe succeduta al Nintendo Entertainment System: Il Super Nintendo Entertainment System o il SNES. A Link to the Past è tornato allo stile del primo gioco, ora aggiornato con grafica a 16 bit, suoni e musica. Ma ha fatto più che rifare o rifare il gioco. In modo davvero innovativo, il gioco ha aggiunto una nuova caratteristica che sarebbe diventata un punto fermo per altri giochi della serie: le dimensioni parallele. In A Link to the Past, il protagonista deve passare da un mondo oscuro a un mondo chiaro. Si tratta di battere l’antagonista, Ganon.
  4. Il risveglio di Link’s Awakening (1993) – Questo gioco è significativo per un paio di motivi e mostra ancora una volta i rischi che i creatori del gioco sono disposti a correre per innovare. In primo luogo, Link’s Awakening è il primo gioco su una console portatile, il Nintendo Gameboy. Secondo, il gioco non è ambientato a Hyrule, dove si sono svolti gli ultimi tre giochi. E infine, segna la prima volta che il titolare Zelda non è apparso. Ciononostante, Link’s Awakening si è assicurato il suo posto nella storia come uno dei più amati primi giochi per palmari ad essere stato creato.
  5. The Faces of Evil and The Wand of Gamelon (1993) – Mentre la serie stava guadagnando terreno a questo punto e si stava affermando come un vero e proprio franchise, non era priva di difetti e difetti. Questa coppia di giochi è stata la prima ad uscire su un sistema non Nintendo e la prima non su cartucce. La tecnologia del CD-ROM in erba dell’epoca, nello specifico il CD-i Philips, è il luogo in cui è stato messo questo paio di giochi. In teoria, avrebbe dovuto portare a un gioco all’avanguardia, con il sistema in grado di riprodurre video animati, voci e altro ancora. Ma ha fallito su tutti i fronti, e molti fan considerano questo il punto più basso della serie.
  6. Ocarina of Time (1998) – Considerato da molti come forse il miglior gioco dell’intera serie anche dopo due decenni, Ocarina of Time ha stabilito un nuovo standard di riferimento per The Legend of Zelda. E mentre l’ultimo gioco, Breath of the Wild (ci arriveremo dopo) è un vero e proprio contendente o forse il successore del titolo di “The Best”, Ocarina of Time rimarrà in cima alle liste di molti fan più anziani. Il gioco è il primo ad entrare nel mondo del 3D, e lo ha fatto nel migliore dei modi. È considerato uno dei primi giochi open-world in 3D mai realizzati e ha immerso il giocatore nel vasto mondo di Hyrule. Ma Ocarina of Time non è solo considerato il miglior gioco di Legend of Zelda; è anche uno dei migliori giochi mai realizzati, punto. E ha influenzato il 3D giochi di avventura per gli anni a venire.
  7. Maschera di Majora (2000) – Raggiungendo un picco come Ocarina of Time, un tuffo è destinato ad avvenire. E così è successo con il sequel diretto, Majora’s Mask. Anche se non è un fallimento o una delusione totale per i fan, molti si sono sentiti a corto di spazio con la portata più piccola del gioco e con un gameplay probabilmente ripetitivo. È l’ennesimo gioco che non è stato ambientato a Hyrule, optando invece per un mondo parallelo chiamato Termina. Ma nonostante la flessione di Ocarina of Time, Majora’s Mask ha continuato la tradizione dell’innovazione. In questo gioco, Link è costretto a rivivere più volte gli stessi tre giorni. Nel corso degli anni, ha guadagnato trazione e anche un forte seguito per un determinato gruppo di tifosi.
  8. Oracle of Seasons/Ages (2001) – No, non sono due titoli alternativi per lo stesso gioco. Sono due giochi, rilasciati in tandem per la console portatile di Nintendo dell’epoca, Game Boy Color. Anche in questo caso, continuando la sua tradizione di innovazione, Oracle of Seasons e Oracle of Ages hanno una storia collegata che abbraccia entrambi i giochi e che si può comprendere appieno solo se si giocano entrambi i giochi. Ricordate il concetto di mondi paralleli introdotto in A Link to the Past e continuato nei giochi successivi? Beh, questa coppia di giochi doveva simulare quell’idea. Alcuni hanno trovato un po’ strano che due giochi raccontino una sola storia collegata, arrivando a pensare che si trattasse di una presa di denaro. Ma si trattava semplicemente di Nintendo che faceva il passo più lungo della gamba per il suo concetto.
  9. A Link To The Past/Four Swords (2004) – Il classico SNES è stato portato sul palmare di nuova generazione dell’epoca, Game Boy Advance, ma con un colpo di scena: una modalità bonus chiamata Four Swords. In essa, fino a quattro persone potevano controllare un “Link” diverso ciascuno e potevano giocare in modo cooperativo nel gioco. Fu un tale successo che ampliarono il gioco alla console principale dell’epoca, il Gamecube, come Four Swords Adventures più avanti nel corso dell’anno.
  10. The Wind Waker (2002) – Immagino che ormai non sarebbe più una sorpresa rendersi conto che il prossimo gioco cercherebbe nuovamente di spingere il gioco in una direzione diversa invece di costruire sopra il precedente. The Wind Waker, il primo titolo di Gamecube Legend of Zelda, è noto soprattutto per l’uso della grafica celeste. Ha reso il gioco molto simile a un cartone animato 2D, anche se, al suo interno, è un gioco 3D. All’epoca era un gioco che divideva, soprattutto perché non tutti erano soddisfatti del nuovo stile artistico. E anche se tecnicamente il gioco si svolgeva a Hyrule, non si trovava su un’enorme terraferma. Link doveva invece viaggiare attraverso i vasti mari su una barca. Era un’idea piuttosto selvaggia per l’epoca, ma se siete entrambi fan di Legend of Zelda e dei pirati, allora questo gioco è perfetto.
  11. The Minish Cap (2004) – Ancora una volta, le menti creative dietro i giochi di Legend of Zelda hanno preso una direzione diversa in questo titolo Game Boy Advance. Molti dei giochi precedenti e successivi hanno mostrato il vasto mondo di montagne, foreste, fiumi e campi di Hyrule. Il Minish Cap va esattamente all’opposto. Con il titolo Minish Cap, Link si riduce alle dimensioni di una formica e prosegue l’esplorazione del mondo nascosto in miniatura di Hyrule.
  12. Twilight Princess (2006) – In un altro cambiamento nello stile artistico e nella direzione generale, Twilight Princess ha ottenuto il trattamento oscuro e serio in termini di grafica e gameplay. Anche per quanto riguarda la tradizione, ci è voluta una svolta letteralmente oscura, con l’ennesimo nuovo mondo parallelo: il regno oscuro di Twilight. Ma l’innovazione del gioco non si è fermata qui. Forse il suo contributo più significativo alla serie è l’uso dei nuovi controller di movimento della Nintendo Wii. Anche se non lo utilizzava in quel modo, si pensava che lo avrebbe fatto (cosa che sarebbe successa con l’arrivo di Skyward Sword) Twilight Princess ha segnato il primo passo nel prossimo periodo di evoluzione della serie.
  13. Phantom Hourglass/Spirit Tracks (2007, 2009) – Anche se questi sono due giochi separati, e ancora una volta nella nuova console portatile dell’epoca, il Nintendo DS, li mettiamo entrambi come una sola voce in questa lista semplicemente perché la meccanica è molto simile. Dal punto di vista dell’innovazione, i giochi hanno utilizzato il secondo schermo del DS, e una caratteristica chiave in entrambi i giochi è l’uso dello stilo per disegnare i percorsi. Per Phantom Hourglass, disegnare percorsi per una barca. Per Spirit Tracks, è un treno. Pur offrendo alcune nuove caratteristiche, non sarà prima del prossimo gioco che si verificherà un altro grande balzo in avanti nel gioco.
  14. Skyward Sword (2011) – Sempre alla ricerca di spingere i confini e il concetto di gioco, Nintendo ha finalmente compiuto un enorme passo avanti nei controlli di movimento con Skyward Sword. Portando quello che Twilight Princess ha iniziato ad un livello completamente nuovo, questo gioco presenta un’enorme fantasia per qualsiasi fan di Link (o qualsiasi fan di qualsiasi eroe che brandisce una spada): la possibilità di “oscillare una spada” in combattimento utilizzando il Wii MotionPlus. Anche se questo è un gioco di Legend of Zelda, non è fatto come si potrebbe pensare: il combattimento è una sorta di puzzle, e bisogna fare il movimento della spada nei momenti critici per abbattere gli avversari. E, naturalmente, i movimenti della spada sono anche utilizzati per risolvere i rompicapi.
  15. A Link Between Worlds (2013) – Che ci crediate o no, questo è il successore di A Link to the Past. Un gioco fatto 20 anni prima! (Sì, lo sappiamo, la linea temporale del gioco è confusa.) Realizzato per il 3DS, la sua innovazione è stata al massimo minore, permettendo semplicemente a Link di diventare un dipinto bidimensionale per sgattaiolare intorno a muri e angoli e, naturalmente, risolvere enigmi.
  16. Breath of the Wild (2017) – L’ultima puntata di questo fantastico franchise di giochi, Breath of the Wild, è stata lanciata insieme al Nintendo Switch all’avanguardia. La principale innovazione del gioco? Tutto. Dalla vasta ambientazione open-world, al sistema di combattimento intenso e coinvolgente, al sistema fisico persistente che permette di essere molto creativi nel risolvere i rompicapi e nell’affrontare i problemi. Anche il realismo è aumentato a 11. Il gioco ha armi che si rompono; i materiali di cui è fatto il vostro equipaggiamento possono influenzare il modo in cui l’ambiente reagisce a voi (come oggetti metallici che attirano i fulmini in un forte temporale e che indossano il tipo di abbigliamento sbagliato a seconda dell’ambiente che provoca danni) e altro ancora. Ma forse la sua caratteristica più distintiva è l’esplorazione non lineare del mondo aperto. Nel momento in cui si riproduce nel mondo, si può andare ovunque e fare quasi tutto. È il successore della corona di “The Best Legend of Zelda Game” di Ocarina of Time e ha fissato l’asticella molto più alta per le puntate future.

Questi sono i principali giochi di Legend of Zelda. Come potete vedere, ci sono un sacco di titoli incredibili in questo enorme franchise. Allora, dove si inserisce Cadence of Hyrule?

Cos’è Cadence of Hyrule?

Come accennato in precedenza, tra i molti giochi significativi del franchise Legend of Zelda c’è un gran numero di giochi di derivazione che portano il nome della serie. Legend of Zelda: Cadence of Hyrule è uno di questi giochi. E anche se raramente ci si aspetterebbe che un gioco di derivazione si classifichi tra i migliori giochi di Legend of Zelda, questo lo è. E non è nemmeno prodotto da Nintendo!

Molti fan amano il suo nuovo stravagante stile di gioco, che si basa molto sulla musica e sui ritmi, dando una nuova esperienza di gioco di Legend of Zelda, a differenza di molti dei giochi della serie.

Cadence of Hyrule è un gioco di Legend of Zelda che utilizza lo stile di gioco e le meccaniche di un altro gioco chiamato Crypt of the Necrodancer. Crypt of the Necrodancer è un gioco indie realizzato da Brace Yourself Games ed è un gioco roguelike/dungeon crawler. I Roguelike games sono giochi che hanno generato aree randomizzate in modo procedurale. Questo fa sì che un gioco roguelike abbia una rigiocabilità quasi illimitata. Questo perché ogni area è unica e offrirà sempre una nuova esperienza. I giochi Roguelike esistono dagli anni ’80, resi famosi dal gioco Rogue (da cui il nome.) Ma non è questo che ha reso famosa la Cripta del Necrodanzatore, e non è certamente questo che rende la Cadence of Hyrule unica e divertente da giocare.

Vedi, Cadence of Hyrule, come Crypt of the Necrodancer, è un gioco d’avventura basato sul ritmo. Che cosa significa? I controlli del gioco dipendono dal ritmo della musica! La tua capacità di muoverti, la tua capacità di combattere, tutto dipende dal ritmo della canzone che sta suonando. Se è ancora difficile e confuso da capire, non preoccupatevi. È facile da capire.

Nella maggior parte dei giochi di Legend of Zelda, i controlli sono gratuiti. Ciò significa che, se in un determinato momento, si desidera muoversi verso il basso, verso l’alto, oscillare una spada, o qualsiasi altra cosa, è possibile farlo senza restrizioni. Tuttavia, nei giochi basati sul ritmo, non è possibile farlo. Un battito è una sola azione, e bisogna cronometrare le azioni in base ai battiti per creare una sequenza che vi darà il risultato desiderato.

Per esempio, se volete scendere di cinque passi, dovete fare un’azione per ogni battuta della musica. Non potete semplicemente premere sul gamepad e aspettarvi che la Cadence scenda di cinque passi come in un gioco normale. Sembra abbastanza facile. Ma poi, immaginate di entrare in un dungeon e di trovarvi subito inseguiti da uno scheletro di cinque tessere alla vostra destra e da un fantasma di nove tessere sopra. Ma l’uscita è quattro tessere in basso e sei tessere a sinistra. Come scapperai? Oppure puoi cronometrare il tempo giusto per combattere i tuoi nemici uno a uno?

Sembra intrigante? Perché lo è, ed è un gioco unico di Legend of Zelda che continua la tradizione di innovare i sistemi di gioco!

Ma aspetta, potresti chiederti: “Hai detto Cadence?”. Sì. In questo gioco, inizialmente non si controlla Link. Si inizia con Cadence, l’eroe della Cripta del Necrodanzatore. Non preoccuparti, però, avrai la possibilità di controllare Link -e Zelda, in una versione di Hyrule assediata dal cattivo Octavo. Questo cattivo, che ha una “mente musicale senza sapore”, ha preso il controllo di Hyrule, e sta ai nostri eroi salvare la situazione.

Questo gioco, in scala, è molto più piccolo di qualsiasi altro gioco di Legend of Zelda. Quindi, se siete alla ricerca di un viaggio epico che vi porterà in nuove strane terre per scoprire qualche trama grandiosa, è meglio giocare a un altro gioco di Legend of Zelda.

Ma se siete alla ricerca di una rivisitazione unica del classico franchise che vi farà battere i piedi e farvi battere la testa mentre giocate, questo è il gioco!

Caratteristiche principali di Cadence of Hyrule:

  1. Gioco basato sul ritmo – Il concetto centrale di Cadence of Hyrule è il gioco basato sul ritmo. Come detto in precedenza, ogni azione che si compirà nel gioco dipenderà dal ritmo della musica. All’inizio può essere piuttosto implacabile, soprattutto se si proviene da un gioco in cui i ritmi e i battiti non hanno importanza quando si tratta di controllare il proprio personaggio. Tuttavia, è questa caratteristica difficile e cruciale che rende il gioco un’esperienza unica da godere. E una volta che ci si abitua ad esso, si arriva a “fluire” con il gioco, il suo mondo, e anche i suoi nemici, che là fuori cercano di fermarvi. Il combattimento è divertente, ma non è così semplice come aspettarsi che i nemici si muovano al vostro stesso ritmo. Alcuni nemici si muoveranno ogni due battiti; alcuni nemici salteranno un battito nel loro schema, la lista va avanti all’infinito. Capire il ritmo di un tipo di nemico e lo schema fa parte del divertimento e richiede un sacco di strategie prima di ingaggiarli. Mantenere il ritmo vi darà dei bonus, aumentando il moltiplicatore dell’attacco se si colpisce una striscia e non si commette un errore. Mancare un battito azzererà il vostro moltiplicatore, e a volte può essere costoso in termini di combattimento. Questo perché se mancate una battuta, potreste finire per non muovervi, ma i vostri nemici possono ancora farlo. Con un nemico, è abbastanza semplice. Ora immaginate quattro diversi nemici sullo schermo, ognuno con uno schema diverso, e dovete sincronizzare i vostri movimenti al ritmo giusto per muovervi e combattere correttamente. Questo è già abbastanza impegnativo per qualcuno che ha un buon senso del ritmo. Ma per chi non ce l’ha? Fortunatamente, Cadence of Hyrule ha quella che viene chiamata “modalità di battuta fissa”. Ciò che fa è eliminare l’obbligo di attenersi a seguire un ritmo. Tuttavia, questo non significa che trasformi il gioco in un normale gioco di Legend of Zelda. Quello che fa la “Fixed-Beat” è far muovere i nemici solo quando lo fai tu. A sua volta, trasforma la Cadenza di Hyrule in un altro tipo di gioco: un gioco di tipo tattico. Un’altra caratteristica del gioco è che, se si gioca in modalità regolare, è sufficiente seguire una battuta solo quando i nemici sono sullo schermo. Quindi, se ci si trova in una zona sicura, ci si può muovere velocemente quanto si vuole. Il gameplay basato sul ritmo è impegnativo, ma vi consigliamo vivamente di provare questa modalità almeno una volta nonostante la difficoltà. Non c’è nessun altro gioco di Legend of Zelda come questo!
  2. Dungeon generati in modo procedurale / gioco simile a Roguelike – Il mondo principale di Cadence of Hyrule è quasi esattamente quello che ci si aspetta da un classico gioco di Legend of Zelda. Un mondo sotterraneo colorato è pieno di diverse creature, fiumi, rocce, foreste e così via. Con ogni nuovo gioco, il mondo viene scambiato un po’ per creare una nuova atmosfera generale. Ma la randomizzazione dell’oltretomba non è ciò che aumenta la rigiocabilità del gioco all’infinito, ma i dungeon. Cripte e dungeon vengono generati in modo casuale. Così, ogni volta che si entra in uno di essi, non si sa cosa aspettarsi, e i diversi playthrough della zona produrranno sempre sorprese diverse. Ci sono pro e contro a questo tipo di sistema. Lo svantaggio principale è il fatto che i dungeon non hanno gli elementi creativi che un livello adeguatamente progettato avrebbe. In un normale gioco di Legend of Zelda, ogni dungeon ha uno scopo specifico e un obiettivo finale in mente. Significa che può essere usato in modo intelligente, sia per raccontare una storia, sia per aggiungere mistero e suspense, e così via. Il pro principale, tuttavia, è il fatto che i dungeon sono molto intensi. Non solo perché non si ottiene lo stesso dungeon due volte, ma anche il fatto che la loro natura imprevedibile può rendere il combattimento piuttosto complicato e confuso. È facile fare abbastanza passi falsi per ritrovarsi intrappolati in un angolo con più nemici intorno a sé, con il risultato di un insta-kill. Parlando di morte…
  3. Difficoltà equilibrata – Cadenza di Hyrule è un gioco impegnativo. Alla morte, si perdono un sacco di oggetti: rupie, pale, torce e così via, tutti cadono, e bisogna comprarne o trovarne di nuovi. Ma c’è un lato positivo. Le armi e gli oggetti essenziali restano con voi anche dopo la morte. Significa che mentre devi ricominciare da un certo punto, ogni ripetizione diventa sempre più gestibile. Dà un senso di progressione una volta che si va oltre il punto in cui si è precedentemente morti. Ricorda un altro famoso franchise di giochi, noto anche per la sua difficoltà: La serie SoulsBornEkiro di FromSoftware (una fusione dei giochi Dark Souls, Bloodborne, e Sekiro.)
  4. Puzzle e progressione in stile Legend of Zelda – Cadence of Hyrule potrebbe essere una Cripta del gioco Necrodancer. Tuttavia, gli enigmi, il sistema di progressione e la tradizione generale rimangono tutti fedeli alla formula di Legend of Zelda. Con l’aggiunta del gameplay basato sul ritmo, i puzzle ottengono un ulteriore livello di complessità e difficoltà che non è presente in nessun altro gioco di Legend of Zelda.
  5. Musica fantastica – Per un gioco basato sul ritmo, la musica gioca un ruolo fondamentale nell’esperienza complessiva. In Cadence of Hyrule, il ruolo della musica va un passo oltre. Perché la musica non solo enfatizza il ritmo che deve essere seguito per il movimento e il combattimento, ma dà anche una sensazione molto nostalgica al giocatore. A colpi classici come A Link to the Overworld di A Link to the Past viene dato un pesante remix di tastiera, rock remix di drum-intense rock. La batteria detta il ritmo, mentre le melodie della tastiera del synth danno una nostalgica atmosfera da videogioco degli anni ’80 e ’90.

Cadence of Hyrule ha una tonnellata di caratteristiche chiave che gli conferiscono un’esperienza di gioco unica e divertente, ma ci sono anche un paio di cose che dovete considerare prima di prendere in mano il gioco e iniziare il vostro nuovo viaggio in Hyrule.

  1. Curva di apprendimento ripida – Mentre la difficoltà è equilibrata ed equa, la curva di apprendimento per abituarsi al gioco può essere abbastanza alta. Ancora di più, se l’obiettivo è quello di essere abbastanza eccellente e abile, l’input uditivo può essere facilmente sopraffatto da quello visivo. Quello che intendiamo dire è che l’occhio che deve tracciare tutto sullo schermo può facilmente portare l’attenzione del cervello lontano dal ritmo, a risultati disastrosi. Tuttavia, continuate a farlo, e dovreste essere a posto! Una volta abituati al gioco, sarà uno spasso giocare. E quello che scoprirete è che la difficoltà diventa parte dell’esperienza complessiva.
  2. Piccola mappa e gioco breve – Il mondo di gioco, rispetto ai tradizionali giochi di Legend of Zelda, è piccolo. Soprattutto se confrontato con le voci più recenti. Quindi, una volta superata la curva di apprendimento, probabilmente in un pomeriggio si passerà all’intero gioco in un pomeriggio. Ma i dungeon generati in modo procedurale hanno lo scopo di superare questo aspetto del gioco. Il solo sapere che si otterrà una nuova serie di aree in un nuovo playthrough è sufficiente a farti venire il prurito di rigiocare Cadence of Hyrule. E una volta che le vostre abilità aumenteranno, vi verrà la fastidiosa sensazione di voler vedere se riuscirete a cancellare il gioco più velocemente, o in modo più efficiente.

Nel complesso, Cadence of Hyrule, pur non essendo una creazione ufficiale Nintendo, è certamente all’altezza dei modi innovativi del franchise Legend of Zelda. È unico nel senso che, mentre ci sono molti platform 3D, prospettive dall’alto verso il basso, divertenti e bizzarri giochi portatili di Legend of Zelda, c’è solo un gioco basato sul ritmo che fornisce un diverso tipo di sfida sia per i nuovi arrivati che per i veterani. Si tratta di un gioco altamente raccomandato degno del titolo Legend of Zelda.

0 Shares:
You May Also Like
Read More

Migliori giochi VR PC

La realtà virtuale è arrivata sul PC. Questa tecnologia ti porta all’interno del mondo di gioco stesso, non…
Read More

Miglior monitor Freesync

Che senso ha ottenere componenti costosi per il vostro sistema PC se non avete un monitor di gioco…
Read More

Migliori schede audio

Migliori schede audio Una scheda audio avrà un elevato segnale al razionamento del rumore. Più segnale, meno rumore.…